Overblog
Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
12 février 2013 2 12 /02 /février /2013 07:05

AM_Royalmonaco.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 

 

La Chambre de Commerce Italienne a le plaisir de vous inviter à
 
la 7ème édition du Salon :
qui se tiendra les
14-15-16-17 Février de 10h à 19h
  
Inauguration officielle le jeudi 14 à 11h
Sur la place Nationale - Vieil Antibes
Les atouts de cette édition : 
 
chasse au trésor dans les rues du Vieil Antibes pour les enfants (Inscriptions).
atelier de dessin pour les enfants sur le thème de l'amour (Inscriptions sur place).
tirage au sort du jeu concours, en partenariat avec Air France, Nice Matin et les commerçants du Vieil Antibes.
concours de pâtisserie réalisé par le public amateur (Inscriptions).


Programme

ENTREE LIBRE DE 10h A 19h

Jeudi 14 février:

 

10h : Ouverture du salon

10h-19h : Démonstrations pour le public et les enfants

10h-18h : Exposition d’art contemporain des artistes Myriam PARADISI et Harriet MACAREE à la Galerie Municipale Les Bains Douches

10h-12h : Atelier d'écriture de lettre d'amour avec le conteur poétique Eric DERRIEN.

11h : Inauguration officielle du salon
en présence de :
Jean LEONETTI, Député-Maire d’Antibes Juan-les-Pins
Luciano BARILLARO, Consul Général d’Italie à Nice
Patrizia DALMASSO, Président de la Chambre de Commerce Italienne de Nice
Jean-Pierre GALVEZ, Président de la Chambre de Métiers et de l’Artisanat des Alpes-Maritimes

12h-14h : Déclamations poétiques avec Eric DERRIEN en terrasses des restaurants et des bars des plus belles lettres d'amour et le soir dans les rues.

15h : Visite commentée du Musée Peynet pour la Journée Portes ouvertes au Musée Peynet (entrée libre et gratuite)

16h-17h30 : Déclamations poétiques avec Eric DERRIEN en terrasses des restaurants et des bars des plus belles lettres d'amour et le soir dans les rues.

16h30-18h30 : Pour bien commencer le carnaval !
Stand maquillage pour enfants.

17h00-18h30 : A la recherche de l’âme sœur
Speed dating pour les célibataires en quête d'amour, organisé en collaboration avec les étudiantes en Licence Professionnelle Communication Evénementielle de Sophia Antipolis.

19h45: « L'art d'aimer, quand le verbe devient caresse »
Performance poétique dansée au Théâtre Antibéa, suivie d'un apéro poétique « Les plus belles lettres d'amour ». Rencontre poétique entre les mots et la danse avec Eric DERRIEN écrivain public, Frédérique FRANCES comédienne et Sophie RAYNAUD danseuse contemporaine Cie SOF.

19h : Fermeture du salon

Vendredi 15 février

10h : Ouverture du salon

10h-19h : Démonstrations pour le public et les enfants

10h-18h : Exposition d’art contemporain des artistes Myriam PARADISI et Harriet MACAREE à la Galerie Municipale Les Bains Douches

14h30-17h : Projections du film « Lezioni di Cioccolato » en V.O. sous-titrée en langue anglaise. Entrée libre et gratuite. (Salle des Associations, Cours Masséna)
La projection sera introduite par des courts métrages aux thèmes du salon, organisée en collaboration avec les étudiantes en Licence Professionnelle Communication Evénementielle de Sophia Antipolis.

16h30-18h30 : Pour bien commencer le carnaval !
Stand maquillage pour enfants.

19h : Fermeture du salon

Samedi 16 février

10h : Ouverture du salon

10h-18h : Exposition d’art contemporain des artistes Myriam PARADISI et Harriet MACAREE à la Galerie Municipale Les Bains Douches

9h30-18h30: La Compagnie Série Illimitée propose la déambulation de sa troupe de Commedia Dell’Arte à travers la vieille ville d’Antibes

10-12h : Atelier Chocolat avec Christian COTTARD dans le Musée Peynet.

10h-12h : Pour bien commencer le carnaval !
Stand maquillage pour enfants.

10h30- 12h30 : Visite GRATUITE de la vieille ville commentée en italien/français proposée par l’Office du Tourisme. RDV Place Nationale devant la colonne.

14h-15h : Pour bien commencer le carnaval !
Stand maquillage pour enfants.

14-18h : Atelier Chocolat avec Christian COTTARD dans le musée Peynet.

14h30-17h : Projections du film « Lezioni di Cioccolato 2 » en V.O. sous-titrée en langue anglaise. Entrée libre et gratuite. (Salle des Associations, Cours Masséna)

15h : Visite commentée au Musée Peynet pour la Journée Portes ouvertes au Musée Peynet (entrée libre et gratuite)

15h-18h: Atelier de pâtisseries avec Christian VINCIGUERRA

15h30: A la recherche du trésor de la Saint Valentin
Chasse aux trésors dans les rue du Viel Antibes pour les enfants, organisée en collaboration avec les étudiantes en Licence Professionnelle Communication Evénementielle de Sophia Antipolis et l'Accueil Touristique du Vieil Antibes.

17h-18h : Pour bien commencer le carnaval !
Stand maquillage pour enfants.

19h : Fermeture du salon

Dimanche 17 février

10h : Ouverture du salon

10h-12h : Pour bien commencer le carnaval !
Stand maquillage pour enfants.

14h-17h : Atelier de pâtisseries avec Christian VINCIGUERRA

14h-15h : Pour bien commencer le carnaval !
Stand maquillage pour enfants.

15h-16h : Dessine-moi l'Amour
Atelier de dessin pour les enfants sur les thèmes de l’amour et du chocolat sur inscription au Stand de la CCItalienne avant 15h.

15h-16h : Prestation musicale Place Nationale

16h: « Qui a gagné un voyage à Venise ? »
Tirage au sort du jeu concours organisé par la CCItalienne en partenariat avec Air France, Nice Matin et l’association des commerçants « Cœur d’Antibes»

16h30: L’Amour est aux fourneaux
Concours de pâtisserie réalisé par le public amateur sous forme d’une réalisation effectuée à leur domicile et notée par un jury. Organisé en collaboration avec les étudiantes en Licence Professionnelle Communication Evénementielle de Sophia Antipolis et le restaurant Le Figuier de Saint Esprit.

17h-18h : Pour bien commencer le carnaval !
Stand maquillage pour enfants.

19h : Fermeture du Salon

   

Partager cet article

Repost0
11 février 2013 1 11 /02 /février /2013 05:45

AM_Royalmonaco.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 

Horizon Monaco vince le elezioni del Consiglio Nazionale di Monaco (Parlamento) con la lista HORIZON guidata da Laurent Nouvion  ottenendo la maggioranza dei voti ed aggiudicandosi 20 seggi contro i 3 dell’Union Monégasque, partito della maggioranza uscente di Jean-François Robillon, e contro i pronostici dell'elettorato  che davano le due liste molto prossime.
SEPTEMBRE-1497-copie-1.jpg
Un risultato inatteso per le proporzioni e che,  stando a quanto riportato dalla stampa monegasca, muterà totalmente gli equilibri politici. La vittoria con ampio margine è stata anche commentata dal leader del partito, Nouvion, prossimo candidato, il 21 febbraio, alla presidenza del Consiglio Nazionale, il quale ha comunicato di voler tener in conto la volontà dei monegaschi che hanno confermato la decisione per un totale cambiamento politico della gestione passata. Novità, quantunque parziale, è venuta dalla lista dell'SBM, RENAISSANCE, guidata da  Eric Elena, detta "dei croupiers", che ha visto aprire le porte ad un candidato delle sale giochi per il parlamento. Su un totale di 6824 chiamati alle urnen solo 5080 Monegaschi si sono recati a votare con un tasso di partecipazione del 74,50%.

Partager cet article

Repost0
10 février 2013 7 10 /02 /février /2013 09:48

Partager cet article

Repost0
7 février 2013 4 07 /02 /février /2013 07:53

 

 

ROYAL MONACO N°5

 

 

CLICK ON BELOW TO OPEN THE MAGAZINE

CLIQUER SUR L'IMAGE

CLICCARE

 

 

 

Partager cet article

Repost0
7 février 2013 4 07 /02 /février /2013 06:58

 

 

 

AM_Royalmonaco_date-copia.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 

 

CRISI EDITORIA. FRANCIA: NUOVI SCIOPERI, NO GIORNALI IN EDICOLA - POLIGRAFICI CONTRO IL PIANO DI TAGLI. GLI EDITORI: “GRAVITA’ ECCEZIONALE”.

Parigi, 6 febbraio 2013. Continua la fitta serie di scioperi e agitazioni nel settore dell’editoria e della distribuzione, a causa dei quali da oltre un mese i giornali francesi sono spesso assenti dalle edicole. Del tutto introvabili, ormai, i giornali stranieri, ridotti all’osso (due quotidiani per l’Italia) e spesso in ritardo. La totale assenza dei giornali, oggi, è dovuta a uno sciopero del sindacato dell’editoria Cgt (comunista), nel quadro del più vasto conflitto della società di stampa e distribuzione Presstalis. La particolarità di oggi è che, consci che la distribuzione dei giornali sarebbe stata oggi ancora più difficile dei giorni scorsi, gli editori hanno deciso collettivamente di non farli nemmeno stampare. Tutti sono disponibili on line. Sono state più di 30 le proclamazioni di blocco totale o parziale, in diversi casi prolungate, dal mese di ottobre. Presstalis, salvata in extremis dal fallimento nel 2012, è alle prese con un piano di ristrutturazione interno che prevede il taglio di 1.250 posti di lavoro su 2.500. Gli editori denunciano l’atteggiamento del sindacato maggioritario dei poligrafici come “eccezionalmente grave e senza precedenti”. “Senza una soluzione rapida - aggiungono i ‘patron’ dei giornali - è tutto il settore industriale e logistico della stampa ad essere gravemente minacciato e, in prospettiva, la stessa esistenza dei quotidiani”.(ANSA).

Partager cet article

Repost0
6 février 2013 3 06 /02 /février /2013 09:07

 

ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 

 

Una nuova  associazione: “Amitié France Italie, A.F.I.”al Palais de la Méditarranée è stata presentata il 1°febbraio a Nizza.

 

L'obiettivo dell' AFI, ha esposto il presidente Paolo Celi, è quello di rinsaldare i concetti di solidarietà nell'ambito culturale e sociale le istituzioni globali esistenti tra l'Italia e la Francia, passando per il Principato di Monaco. Sono stati, quindi, confermatiti i concetti già espressi di recente ed in occasione dei voti augurali per il 2013, da parte del Console Generale d'Italia, Antonio Barillaro, del COMITES di Nizza, Enrico Musella, dell'Ambasciatore d'Italia a Monaco, Antonio Morabito e, non ultimo, dal sindaco deputato di Nizza e Presidente di Nizza Metropoli Costa Azzurra, Christian Estrosi, di origini italiche ereditate dai nonni, nativi di Città di Castello (Umbria), che aveva edotto gli astanti con un cursus storico sulla franco-italianità nizzarda.

IMG_6539.JPGIMG_6852.JPG

Presenti diverse personalità tra le quali il Col. Gaël Marchand, Comandante della Direzione Generale Gendarmeria Alpi Marittime, i presidenti delle varie Associazioni italiane sul territorio nizzardo, Roberto Verdoïa “Piemontesi nel mondo”, Antonio Gentilella “Associazione San Michele”, etc.

albano.jpg

Cilieggina sulla torta, il concerto del cantante Albano (nella foto con la poetessa Maria Salamone), beniamino del pubblico di tutto il mondo, con la voce inconfondibile ed in polemica con l'esclusione dal prossimo Festival di Sanremo.

Partager cet article

Repost0
5 février 2013 2 05 /02 /février /2013 09:57

 

 

ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 

 

Galette des Rois
Sabato 2 Février 2013
Al Consolato Generale d'lTALlA di Nizza

 

ciottibarillaroA.jpg

Eric Ciotti, a sin. e Luciano Barillaro

Il COMITES di Nizza ha organizzato, nei saloni del Consolato Generale d'Italia, la tradizionale Galette des Rois sabato 2 febbraio rinnovando gli auguri agli italiani residenti nella Costa Azzurra. Oltre al Console Generale d'Italia, Luciano BARILLARO ed al Presidente del Com.It.Es di Nizza, Enrico MUSELLA, gli auguri agli italiani sono stati portati personalmente dal deputato e Presidente del Consiglio Regionale PACA, Eric CIOTTI, il quale ha evidenziato con fierezza il legame d'amicizia che unisce, nella stessa storia, Nizza e le Alpi Marittime all'Italia ed agli oltre 30.000 italiani presenti nel dipartimento. Ciotti ha anche espresso il benvenuto ai candidati alle prossime elezioni italiane che verrano a cercare il suffragio in Francia. 

ciottiba.jpg

In primo piano Eric Ciotti e Charles Bovari, Presidente del Parco Imperiale di Nizza

ciottirm.jpgciottigallA.jpg

Partager cet article

Repost0
3 février 2013 7 03 /02 /février /2013 08:59

 

ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
 DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

INTERNET: HOLLANDE PIEGA GOOGLE, PAGHERA' DIRITTI D’AUTORE. RAGGIUNTO 'STORICO' ACCORDO CON EDITORI. FONDO DI 60 MLN di EURO - Giulio Anselmi (Fieg): «Anche per noi un passo avanti»- «La Fieg ha cominciato a ragionare con Palazzo Chigi, ma l'esecutivo francese è stato più attivo di quello italiano»
 

 Parigi, 1 febbraio 2’13.  Nonostante l'imminente partenza per il Mali il presidente francese Francois Hollande e' riuscito a 'piegare' Google, il colosso americano del web, nella lunga diatriba legata alla remunerazione degli editori francesi da parte dei motori di ricerca. Al termine di un incontro a Parigi tra il capo dello Stato e il numero uno di Google Eric Schmidt - che ha messo la parola fine a oltre due mesi di difficili negoziati - l'Eliseo ha annunciato in particolare la creazione di un "fondo di 60 milioni di euro", interamente finanziato dal colosso americano, che avrà lo scopo di ''facilitare la transizione della stampa verso il mondo digitale''.


Il consiglio di amministrazione del Fondo sara' composto da rappresentanti di Google, dell'editoria, ma anche da personalita' indipendenti. Mentre il suo  utilizzo sara' controllato da un organo esterno e indipendente. Il Fondo sara' aperto a tutti i siti di informazione generalista e politica.    ''Il suo compito sara' di selezionare i progetti meritevoli che riceveranno un aiuto'', spiega Marc Schwartz, il mediatoredel governo francese per la trattativa con Google.


L'accordo firmato a Parigi prevede anche un ''partenariato commerciale'' di una durata di cinque anni. Obiettivo? Aiutare la stampa a svilupparsi su internet, ''accrescendo i suoi redditi on-line'', ha precisato un portavoce di Google.


Per Schmidt, quello firmato oggi e'  "un accordo storico, nell'interesse del popolo francese". "Meglio un accordo che una legge", ha aggiunto.


Lo scorso novembre - nel corso di un incontro all'Eliseo  Hollande aveva lanciato un avvertimento al numero uno di Google, chiedendogli di aprire al pi— presto una trattativa con gli editori e giungere a una soluzione sul problema dei contenuti


della stampa on-line, se non voleva incorrere nella temutissima 'Google tax'.


La scadenza delle trattative era stata fissata in un primo tempo al 31 dicembre scorso, ma Parigi ha poi concesso un mese ulteriore per giungere a una soluzione.


Per il ministro dell'Economia digitale, Fleur Pellerin, la somma di 60 milioni di euro e' ''molto soddisfacente. Non e' una pura sovvenzione. E' un aiuto alla trasformazione in modo che gli editori della stampa possano modernizzare i loro modelli economici''.


''L'insieme degli editori dell'informazione generalista e politica si rallegrano per l'accordo raggiunto con Google - afferma da parte sua Nathalie Collin, presidente dell'associazione degli editori che ha partecipato alla trattativa -  questo accordo e' una prima mondiale e consentira' agli editori (...) di andare avanti nella loro mutazione digitale''.


Per molto tempo, gli editori francesi, italiani e tedeschi hanno fatto quadrato per chiedere di tassare il colosso di Mountain View, visto che grazie ai loro contenuti il gigante americano del web genera profitti colossali, senza contropartita. (ANSA)


Partager cet article

Repost0
1 février 2013 5 01 /02 /février /2013 05:36


ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 


INTERVISTA/FRANCO ABRUZZO: “NOI CHE...FACEVAMO GIORNALISMO SENZA INTERNET”. “PREPARATI, VELOCI E PRECISI I GIORNALISTI IN ERBA SI SCONTRANO CON LA DURA REALTA', UN GIORNALISMO IN PREDA AD UNA CRISI ESISTENZIALE”

di Giulia Terrana-http://noiroma.it
Giovedì 31 gennaio 2013

Cronista giudiziario e caposervizio del "Giorno" dal 1964 al 1983, Franco Abruzzo ha proseguito la sua carriera come caposervizio Interni, redattore capo centrale e articolista de “Il Sole 24 Ore”. Additato come lo “storico” presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia (1989-2007), ha lasciato il segno nel mondo del giornalismo tanto da essere annoverato tra i “i 5062 italiani notevoli” nel Catalogo dei viventi, di Giorgio dell’Arti e Massimo Parrini. E Noiroma ha l’onore d’intervistarlo.

Ci può esporre le differenze tra il modo di fare giornalismo ieri e oggi?

La differenza principale sta nella velocità. Oggi ho 73 anni, vivo di internet e vedo che è un mondo velocissimo, per documentarsi basta connettersi. Quello che riesco a produrre oggi è inimmaginabile rispetto al passato. Ho impressa nella mente l’immagine di un grande inviato del Giorno, in uno scantinato con la macchina da scrivere sulle ginocchia e fogli buttati per terra, senza riuscire a scrivere il lead. Oggi con il pc è possibile scrivere più e più volte, cancellare, incollare, salvare….

Che caratteristiche ha il bravo giornalista?

Il vero giornalismo deve insegnare ai giovani ad essere non solo “storici del presente o dell’istante”, come disse Umberto Eco in un dibattito sull’obiettività, documentando le notizie nonostante i tempi rapidi. Sono necessari controlli accurati, non solo perché la deontologia professionale impone di pubblicare notizie vere e non verosimili, ma perché il giornalista deve rispettare la verità sostanziale dei fatti e non quella putativa. Come diceva il difensore civico Alberto Bertuzzi “è l’onorevole cittadino che va servito”.

Secondo lei internet è uno strumento utile per il giornalista o può essere anche un’arma a doppio taglio?

Internet è il futuro per i giovani e anche per me. Oggi i mezzi a disposizione facilitano il lavoro, sono straordinari, ma allo stesso tempo lo opprimono perché è una servitù imposta dover essere sempre sulla notizia, rivendicarla.

Ai suoi tempi quali erano i mezzi a disposizione?

Al Giorno ero fortunato perché sulle nostre auto c’era un radiotelefono collegato con la sede centrale dell’editore del quotidiano. Bastava chiamare il centralino per parlare poi con la redazione in qualsiasi punto dell’Italia mi trovassi. Ma in generale i miei colleghi in giro sui fatti di cronaca anche di notte erano costretti a cercare un telefono con bar e negozi chiusi. Spesso si provava a bussare a qualche porta sperando che non ti mandassero a quel paese.

Con quale stato d’animo vede oggi il giornalismo

Sono molto triste. Ricordo che al tempo dei 40-50 giovani della nostra scuola (Ifg De Martino), già reduci da una selezione durissima, alla fine del primo anno, dopo lo stage, venivano assunti in 20-30 dai giornali. Oggi guardo i giovani e mi domando cosa faranno visto che in pochi assumono.

Eppure anche negli anni settanta avete attraversato un periodo critico per la carta stampata

Sì, ma la legge 416 ha trattato il mondo della stampa come un grande settore industriale in crisi, che andava salvato perché essenziale nella vita democratica del paese. Recentemente ho scritto un articolo in cui auspico oggi la stessa lungimiranza di ieri. Abbiamo bisogno di una nuova legge 416 in cui metta tutto insieme carta stampata, radio, televisione, web. Quando muore un giornale, muore qualcosa di vivo e vitale.

Quindi secondo lei la carta stampata è destinata a scomparire?

Sono d’accordo con il grande Montanelli, i giornali rimarranno sempre, anche se solo come prodotti di nicchia. La carta stampata ha resistito alla radio, alla televisione e oggi ha la sfida più insidiosa, internet. La cronaca essenziale viene data sul sito, mentre la carta si soffermano sui commenti, sull’analisi, sull’approfondimento, spiegando il retroscena. È una trasformazione epocale . Ma mi domando che fine farà il giornale locale? Il giornalista non deve diventare un impiegato del computer, deve andare sui fatti, parlare con la gente, guardarla in faccia.

Un messaggio che vuole trasmettere ai giovani giornalisti vista la sua enorme esperienza sul campo

Il giornalismo deve essere vissuto con passione, con grande impegno, con grande rispetto della dignità degli altri. Come presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia ho curato moltissimo la scuola di giornalismo Carlo De Martino da dove sono usciti 680 professionisti, persone che abbiamo formato nel rispetto della persona, della verità sostanziale dei fatti e della Costituzione. Questa è una professione intimamente legata ai valori della Costituzione repubblicana.

Un consiglio a chi inizia a muovere i suoi primi passi nel settore

Oggi un buon giornalista deve essere preparato, deve avere strumenti culturali in testa per capire quello che accade. Se fai cronaca giudiziaria e non conosci minimamente il diritto penale, civile, le procedure come puoi parlare di giustizia? Se ti occupi di vita pubblica il diritto amministrativo è fondamentale. Inoltre gli archivi elettronici sono immensi, bisogna saper distinguere le notizie dalla fuffa. Abbiamo fatto dei corsi ai giovani praticanti della scuola per diventare cacciatori di notizie su internet. La preparazione è quella che salva, bisogna imparare a pesare i fatti.

Partager cet article

Repost0
31 janvier 2013 4 31 /01 /janvier /2013 17:43


ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
PARTE LA CAMPAGNA ABBONAMENTO AL ROYAL MONACO RIVIERA WEB ED AL ROYAL MONACO CARTACEO DAL 1° FEBBRAIO 2013 - ABBONEZ VOUS
WEB SU BASE GIORNALIERA E CARTACEO 28 PAG ROYAL MONACO IN SPEDIZIONE INTERNET E POSTALE (SOLO CARTACEO)
EURO 12 HT SU BASE MENSILE - EURO 100 HT SU BASE ANNUA
NOME - NOM
COGNOME - PRENOM
INDIRIZZO - ADRESSE
CITTA' - VILLE
CAP
PAGAMENTO VIA PAYPALL A : tuinakines@yahoo.fr
PAGAMENTO PER CHEQUE A : SEXTANT INTERTRADE LTD.
PER RICEVUTA IVA ESENTE INDICARE N° IVA-TVA-VAT -

SEXTANT INTERTRADE LTD. / ROYAL MONACO - MCWF 2,AV. DE L'ANNONCIADE - 98000 MONACO

Partager cet article

Repost0
31 janvier 2013 4 31 /01 /janvier /2013 17:18


ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

VEUX DE JEAN-CLAUDE GUIBAL

guibalA.jpg

C’est vrai, les temps sont difficiles. Au loin, le monde se transforme et ses craquements se font sentir jusque dans nos vies quotidiennes, dans nos moyens de vivre et dans nos  manières d’être. Ce qui semblait évident, simple et rassurant, devient plus flou et plus complexe, au point de susciter l’anxiété de nombre de nos concitoyens.

D’autres avant nous ont vécu de pareilles époques de mutation. Les meilleurs d’entre eux ont toujours pris de défendre avant tout ces valeurs de la civilisation. Ils l’ont fait avec force, courage et lucidité.

Inspirons nous de leur exemple et, comme eux, faisons en sorte de vivre en accord avec nous même. Que 2013 soit pour vous une année de plénitude. Qu’elle vous soit propice et douce. Qu’elle le soit aussi pour tous ceux que vous aimez !

Bonne et heureuse années !

Auguri !

Jean-Claude GUIBAL

Député des Alpes-Maritimes /Maire de Menton

============================

Con i voti augurali di prammatica agli oltre mille astanti assiepati nel salone del Palais de l'Europe, il sindaco deputato di Mentone Jean-Claude Guibal, accompagnato dalla consorte, senatrice Giudicelli, e dal Vice-Prefetto delle Alpi Marittime, Foch, ha tenuto un lungo ma corposo discorso con il quale ha esposto i contenuti della nazione, tra i quali matrimonio gay ed adozione, e quelli locali, pertinenti al suo mandato, con una impronta conservatrice ma anche aperta al dialogo con il governo socialista sugli impegni che vedono la Francia militarizzata sul fronte del Mali.

A fine discorso e prima della Marsigliese, Guibal ha dato lettura al testo sopra esposto in lingua francese, concluso  anche con gli "auguri" agli italiani di Mentone.

Partager cet article

Repost0
31 janvier 2013 4 31 /01 /janvier /2013 07:01


ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

Conduttore rivela di essere gay in diretta, licenziato in Russia.

Anton Krasovky: "Sono omosessuale. E sono umano come Putin"

Mosca, 30 gennaio 2013.  Anton Krasovsky lavorava per il media russo Kontrtv, ma non ci lavora più dopo aver fatto coming out in diretta. L'ex giornalista di Ntv ed ex spin doctor per la campagna presidenziale del miliardario Mikhail Prokhorov ha apertamente dichiarato di essere omosessuale, affermando che una persona è una persona, "come un presidente, come un primo ministro, come altre persone nella amministrazione presidenziale o del governo". Dopo questa dichiarazione Krasovsky ha dovuto smettere di lavorare Kontrtv, dove conduceva una trasmissione di approfondimento. Kontrtv è un progetto pro-Cremlino, che Anton Krasovsky ha iniziato con lo scrittore Sergei Minaev nel dicembre 2012: era destinato, secondo gli analisti, ad attirare gli spettatori televisivi liberali di opposizione già affezionati a Dozhd Tv. Insomma aveva una carriera già ben avviata in Russia quando il 25 gennaio, discutendo della legge che vieta la propaganda dell'omosessualità presso i minori, approvata in prima lettura dalla Duma di Stato, il giornalista, 37 anni, ha detto: "Sono un omosessuale. E sono altrettanto umano come te. Come il nostro presidente, come primo ministro, così come le altre persone nella amministrazione presidenziale o del governo". (TMNews)

Partager cet article

Repost0
30 janvier 2013 3 30 /01 /janvier /2013 14:01


ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

GIORNALISMO: PAOLO GRALDI PRESIDENTE DI GIURIA AL PREMIO ISCHIA. PER STUDENTI IN PALIO BORSA DI STUDIO INTITOLATA A MARIA GRAZIA DI DONNA

Roma, 29 gennaio 2013.  La Fondazione Premio Ischia di Giornalismo ha nominato Paolo Graldi presidente della giuria della XXXIV edizione ed ha confermato Carlo Gambalonga nel ruolo di segretario generale della manifestazione. La giuria sara' composta da Alessandro Barbano, direttore del Mattino', Luigi Contu, direttore dell'Ansa, Virman Cusenza, direttore del Messaggero, Marco Demarco, direttore del Corriere del Mezzogiorno, Massimo Franco editorialista del Corriere della Sera, Giuseppe Marra, presidente dell'Adnkronos, Clemente Mimun, direttore di 'Tg5', Roberto Napoletano, direttore del Sole 24 ore, Mario Orfeo, direttore del Tg1, Sarah Varetto, direttore di SkyTg24, Giovanni Maria Vian, direttore dell'Osservatore Romano. Cambiera' il format del Premio che quest'anno avra' come tema  'Dovere di informare, diritto di conoscere'. Infatti oltre al tradizionale Premio Internazionale e Premio alla Carriera, a partire da quest'anno saranno assegnati riconoscimenti ai giornalisti distintisi per: Reportage dell'anno, commento politico-economico, il racconto sportivo, l'innovazione multimediale. Grande spazio sara' inoltre riservato ai giovani studenti delle scuole di giornalismo italiano che anche quest'anno potranno partecipare alla borsa di studio 'Maria Grazia Di Donna', organizzata in collaborazione con Coca Cola HBCItalia. Il Premio si svolgera' sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti, della Regione Campania, della Camera di Commercio di Napoli e dell'Istituto di Credito Sportivo. La cerimonia di consegna  dei premi - come e' tradizione - si terra' a Ischia dal 4 al 6 luglio.      (Adnkronos)

 


Partager cet article

Repost0
29 janvier 2013 2 29 /01 /janvier /2013 13:39

RoyalMonaco_testata_v013_DEF-copie-1.jpg

ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

Riceviamo dall'Ambasciata d'Italia nel Principato di Monaco questo triste comunicato: 

L’Ambasciata d’Italia nel Principato di Monaco

partecipa al lutto per la scomparsa della

Signora ROSABIANCA CATANESE in MORABITO

madre  di S. E. l’Ambasciatore d’Italia Antonio Morabito

 

I funerali si svolgono oggi 29 gennaio 2013 nella Chiesa Arcipretale di S . Nicola

Gallina – Reggio Calabria

 

A  S. E. l’Ambasciatore Antonio MORABITO

Via Rimembranze, 6

89131  Gallina - Reggio Calabria 

 

Partager cet article

Repost0
27 janvier 2013 7 27 /01 /janvier /2013 07:15

RoyalMonaco_testata_v013_DEF-copie-1.jpg

ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

L'ANGOLO DI LJUBA RIZZOLI

 

Mi inoltro spesso a San Paul de Vence per sostare alla Colombe d’Or.  La prima volta che sono entrata, negli anni settanta, in questo « hôtel de charme » con  ristorante, ho pensato : « Sono in un museo ». Ad un tavolo c’era Yves Montand che gustava un Pernod e, sulla soglia, una scultura del « grande » Cesar : un pollice ; nella sala, tra mille quadri, tre Picasso ed un’espansione artistica di Arman che dominava sul camino.  

Madame Roux, la proprietaria, mi parlava dell’amico Pablo  che adorava la Colombe d’Or e lasciava Cannes per soggiornare da lei in cambio di un olio.

 

ljubaArman1.jpg

                    LJUBA RIZZOLI E ARMAN

Tra tante opere amavo, particolarmente,  la scultura  di colori, fili e bandierine di Alexandre Calder a bordo piscina. « Gli ho chiesto di costruirmi lo zoccolo e mi ha accontentata » mi disse la Roux notando il moi sguardo estasiato. « Anch’io voglio,un Calder per la mia piscina alla Malboro di Roma !». E ne comprai tre ! Erano amache di marmo enormi (vedi foto).

Alla Colombe d’or ho conosciuto Cesar : « Cherie, viens chez moi » e mi tirava al suo atelier. Li mi disse : « Ljuba, sai, ho comprato una Ferrari Testarossa, l’ho compressata e  rivenduta tre volte più cara ad un americano ! ». « Anch’io voglio fare una compressione con i gioielli della mia gioventù. » Cesar ne ha composto una tartare a forma di cubo. Ora li porto al mio collo. Dentro c’è la mia vita !

Ljubamac2-copia.jpg

Partager cet article

Repost0
24 janvier 2013 4 24 /01 /janvier /2013 14:53

RoyalMonaco_testata_v013_DEF-copie-1.jpg

ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

 

 

 

Communiqué – Monoprix renonce à son projet d’implantation à Monaco

mercredi 23 janvier 2013

 

L’Union Monégasque accueille avec satisfaction et soulagement la décision de la société Monoprix de ne pas donner suite à son projet d’implantation à la Zac Saint-Antoine, à deux pas du Centre Commercial de Fontvieille et du marché de la Condamine.

La majorité du Conseil National a toujours dénoncé le projet d’implantation, aux frontières de Monaco, d’une enseigne qui viendrait directement concurrencer les commerçants de la Principauté, pénalisant de fait leur chiffre d’affaires, l’emploi, le respect de la priorité nationale et les recettes de TVA pour l’Etat monégasque.

L’Union Monégasque rappelle que la Zac Saint-Antoine, bien que située à Cap d’ail, a été intégralement financée par le Fonds de Réserve Constitutionnel, et par conséquent, par Monaco.

Les locaux commerciaux de ce complexe immobilier sont ainsi propriété des Domaines. Les règles existantes en matière d’attribution doivent donc être clairement appliquées et respectées pour tous les locaux domaniaux, dans l’intérêt des entreprises monégasques et des finances publiques.

L’Union Monégasque le répète : un plan d’urbanisme commercial cohérent doit prévaloir en Principauté, pour éviter que des situations similaires se reproduisent à l’avenir.

 

 

Union Monégasque

Partager cet article

Repost0
23 janvier 2013 3 23 /01 /janvier /2013 15:04

RoyalMonaco_testata_v013_DEF-copie-1.jpg

ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

DIFFAMAZIONE: CASO SALLUSTI SOTTO LA LENTE DEL CONSIGLIO D’EUROPA. VERIFICA DELLA COMPATIBILITA’ DELLE NORME ITALIANE CON I IRITTI UMANI

Strasburgo, 22 dicembre 2013.  La normativa italiana sulla diffamazione a mezzo stampa finisce sotto la lente del Consiglio d’Europa. Alla luce della recente condanna di Alessandro Sallusti, direttore de Il Giornale, la commissione per i media dell’assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, ha infatti chiesto di sapere se la legislazione italiana rispetta gli standard dell’organizzazione paneuropea sulla libertà di stampa. La richiesta è stata formulata dalla commissione per i media in un emendamento, approvato oggi all’unanimità, che è stato inserito nel rapporto sulla libertà dei media in Europa che l’assemblea parlamentare discuterà e voterà giovedì prossimo. L’iniziativa ha in particolare l’obiettivo di verificare se le leggi italiane sulla diffamazione sono in linea con l’articolo 10 della convenzione europea sui diritti umani che difende la libertà di espressione. “Questo emendamento non è un giudizio sulle leggi italiane”, ha spiega il relatore del rapporto sulla libertà dei media, il parlamentare svedese Mats Johansson del Ppe. Se l’emendamento al rapporto sulla libertà dei media sarà approvato anche giovedì, toccherà poi alla commissione di Venezia - l’organismo consultivo del Consiglio d’Europa che si occupa di questioni di diritto - vagliare le leggi italiane e darne un giudizio. La commissione di Venezia si è già pronunciata negativamente su due leggi italiane sui media, la Gasparri e la Frattini. Nel rapporto che verrà votato giovedì viene chiesto di stabilire se l’Italia ha modificato queste leggi come diversi anni fa dalla stessa commissione di Venezia. (ANSA).

Partager cet article

Repost0
22 janvier 2013 2 22 /01 /janvier /2013 15:36

RoyalMonaco_testata_v013_DEF-copie-1.jpg

ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO

ELEZIONI DEL PARLAMENTO ITALIANO 2013
VOTO ALL’ESTERO PER CORRISPONDENZA

Amorabito1


ELEZIONI DEL PARLAMENTO ITALIANO 2013

VOTO ALL’ESTERO PER CORRISPONDENZA

 

Con Decreto del Presidente della Repubblica n.226 del 22 dicembre 2012 sono state indette per il 24 e il 25 febbraio 2013 le votazioni per l’elezione della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.

All’estero, i cittadini italiani ivi stabilmente residenti, iscritti all’AIRE, possono partecipare alle elezioni votando per corrispondenza. Essi votando per le liste di candidati presentate nella rispettiva ripartizione della Circoscrizione Estero.

A CIASCUN ELETTORE AIRE RESIDENTE IN PRINCIPATO (che non abbia optato per il voto in Italia entro il 3 Gennaio) QUESTA AMBASCIATA INVIERÀ, ENTRO IL 6 FEBBRAIO, UN PLICO contenente :

·         Un foglio informativo che spiega come votare;

·         Il certificato elettorale;

·         La scheda elettorale (due per chi, avendo compiuto 25 anni, può votare anche per il Senato);

·         Una busta completamente bianca in cui inserire le schede votate;

·         Una busta già affrancata recante l’indirizzo dell’Ufficio Consolare dell’Ambasciata;

·         Le liste dei candidati della propria ripartizione.

L’ELETTORE, UTILIZZANDO LA BUSTA GIÀ AFFRANCATA (e seguendo attentamente le istruzioni contenute nel foglio informativo) DOVRÀ SPEDIRE SENZA RITARDO LE SCHEDE ELETTORALI VOTATE, IN MODO CHE ARRIVINO IN AMBASCIATA (17 Avenue de l'Annonciade  98000 Monaco) ENTRO - E NON OLTRE – LE ORE 16 (ora locale) DEL 21 FEBBRAIO.

Il voto é personale e segreto. È fatto divieto di votare più volte e inoltrare schede per conto di altre persone. Chiunque violi le disposizioni in materia elettorale, sarà punito a norma di legge.

L’elettore che alla data del 10 febbraio non avesse ancora ricevuto il plico elettorale, potrà rivolgersi agli uffici dell’Ambasciata per verificare la propria posizione elettorale e chiedere eventualmente un duplicato.

TUTTI GLI UFFICI DELL’AMBASCIATA SONO A DISPOSIZIONE DEI CITTADINI PER QUALSIASI ULTERIORE INFORMAZIONE

INFORMAZIONI DETTAGLIATE SONO INOLTRE DISPONIBILI SUL SITO www.esteri.it 




Ambasciata d'Italia nel Principato di Monaco
17, avenue de l'Annonciade 
MONTE-CARLO MC 98000 MONACO
Tél. +377 93 50 22 71 - Fax. +377 93 50 06 89
http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/

Partager cet article

Repost0
22 janvier 2013 2 22 /01 /janvier /2013 09:35


ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

Il presidente emerito dell’Odg Lombardia, Franco Abruzzo, nel volume sui cento anni del
Gruppo cronisti lombardi edito dall’Alg

“Noi cronisti sempre di corsa e con le foto in bocca”

Franco Abruzzo è nato a Cosenza il 3 agosto 1939

 

Paola d’Amico

 

MILANO – “Non si guardava l’orologio, non eravamo impiegati del catasto. Mi piacerebbe ricominciare. Certo, non ho più lo scatto di allora, quando facevo le scale del tribunale a due gradini alla volta…”.
Franco Abruzzo si racconta. “Sono arrivato a Milano il 3 febbraio 1962, avevo 22 anni, 150 mila lire in tasca e la mia Seicento che mi portò, sbagliando le strade, in piazza Duomo. Alle spalle tre anni di corrispondenze da Cosenza per  “Il Tempo” e “Il Giornale d’Italia” di Roma, la “Tribuna di Mezzogiorno” di Messina, “Tuttosport”, “Le vie del mondo”, la vecchia rivista del Touring. Ma avevo capito che me ne dovevo andare su al Nord. Vivevo nel mito di Milano. Mi ero innamorato del capoluogo lombardo in seconda liceo, studiando l’Illuminismo lombardo. La storia d’Italia l’ha sempre fatta Milano”.
Vuole fare il cronista il giovane Abruzzo. Per questo s’adatta a scrivere comunicati stampa (“Mi pagavano 60 mila lire al mese”) collaborando con la Deutch Grammofon: “Ascoltavo Orietta Berti e scrivevo un comunicato stampa. Non capivo nulla di musica leggera, ma i testi piacevano”. Abita presso una signora piemontese in via Fatebenefratelli 30. Frequenta il Gatto Nero il ristorante “covo” delle ragazze di un noto night di via Manzoni.
 abruzzzo.jpg  Segue lo Sport per L’Italia, collabora con “Sport Informazione”,  lavora tre mesi nella redazione del vecchio “Sole” di via Ciovasso (sostituisce un collega chiamato alle armi). Ha un obiettivo chiaro in testa il giovane cronista: arrivare al “Giorno”. L’occasione si presenta quando conosce Paolo Murialdi: “In quegli anni nascevano le edizioni della provincia , comincio a collaborare girando per il milanese, da Monza a Cassano d’Adda, da Sesto San Giovanni a Lodi fino a Codogno. Racconta così di quando a Lodi bussa alla porta del procuratore  capo, don Ciccio Novello: “Mi dice: Franco vai a Codogno, gira attorno al carcere. Io vado, è tutto chiuso, mi vede un vigile urbano e sghignazza, poi vado dai carabinieri e anche quelli scoppiano a ridere. La storia? Le guardie avevano trasformato il carcere in una casa chiusa, aprendo le porte alle donnine della via Emilia”.
Sono gli anni della grande emigrazione dal Sud. “Se non avevi notizie di cronaca di giornata prendevi su, andavi dal simpatico portiere dei palazzoni popolari a Cologno Monzese, in via Lombardia o in via Maroncelli a Sesto San Giovanni, da dove è passata tutta Italia, e raccoglievi storie a piene mani. Devo tutto alla cronaca”. Abruzzo gira con un registratore superprofessionale che ha pagato (scontatissimo) 300mila lire, una fortuna, e una Pentax. “La fotografia era ed è una notizia e al Giorno se non portavi la foto giusta uccidevi la notizia”.
Un giorno mi dicono: Franco siamo deboli a Monza, devi andare a Monza. E io ci vado. Il Giorno è in lotta feroce con Il Corriere e la sola cosa che conta è portare notizie, vere, credibili, e non sbagliarne una. L’arma vincente è rendersi indispensabile”. E sono storie che non si possono dimenticare. “Ricordo il muratore calabrese che in un cantiere ammazzò tre bergamaschi con un fucile caricato a pallettoni. Per capire questa vicenda tragica vado a casa del muratore, alla Barona, e ci trovo una donna con una bimba poliomielitica. Tra le lacrime mi racconta che sono saliti fino a Milano per far curare la bimba. Ma i colleghi di lavoro con scherzi pesantissimi tormentano il marito finché un giorno gli fanno caricare una carriola che avevano attaccato alla corrente e lui per poco non muore. Racconto il retroscena, la storia commuove e la Procura incrimina il datore di lavoro. L’omicida finisce in seminfermità a Castiglione delle Stiviere”. E poi la storia del ferroviere di Lodi che ruba a mille lire per volta 10 milioni. Ha la figlia gravemente malata e aspetta che arrivi a Milano un famoso neurochirurgo svedese per farla operare. Quand’è il momento, il luminare la visita e dice niente da fare. Lui restituisce tutti i soldi, quei soldi, alle ferrovie ma viene incriminato. La storia da libro Cuore è così toccante che interviene il Vescovo. E lui, condannato a Lodi, è assolto in appello a Milano perché ha agito in stato di bisogno. Gli aveva dedicato una pagina la mattina del processo di secondo grado.
Ed è Monza a segnare una svolta nella sua storia di cronista. “Qui c’era il quinto tribunale d’Italia”. Diventa cronista giudiziario, viene iscritto d’ufficio al Registro dei praticanti e supera l’esame di stato. E di Palazzo in Palazzo eccolo arrivare al Palazzo di Giustizia di Milano.
Sono gli anni del terrorismo, della mafia a Milano. Il 16 maggio 1974 la Finanza arresta Liggio. “Il giorno successivo noi usciamo con due pagine sui grandi latitanti, mi chiamano in Procura. Che hai fatto?, mi dice il procuratore capo. Micale, mostrando le foto di tutti i latitanti pubblicate sul giornale. Hai rovinato l’inchiesta. Trovo ufficiali della finanza, dei carabinieri, della Ps. Rispondo: andate in Galleria, c’è una bella libreria, è il Poligrafico dello Stato, tutti possono acquistare 3 volumi sulla prima Commissione antimafia. Lì c’è tutto. Che avevo fatto? Mi ero semplicemente documentato”. È bulimico e appassionato. Legge e divora e non s’accontenta mai della notizia in sé. Ed ecco il caso Fioroni. “La banda politico-criminale di Fioroni fa sequestra e ammazza Carlo Saronio, giovane ingegnere milanese ricercatore presso il Mario Negri”. Saronio era discendente di una famiglia di industriali farmaceutici, ex proprietari delle Industri farmaceutiche Carlo Erba. “Uno della banda confessa dove l’hanno seppellito. Andiamo, si scava, esce uno scheletro con un tampone in bocca, nelle campagne tra Segrate e Vimodrone. Avevo studiato un po’ di medicina legale, prendo il libro del professor Franchini, ricostruisco le dieci domande, le dieci possibili domande che la Corte d’Assise ha posto ai periti. Il giorno dopo di nuovo mi chiama la Procura. Ma cos’hai fatto? Quelle erano le domande del presidente Antonino  Cusumano ai periti. E io rispondo: forse abbiamo studiato sugli stessi libri”.
E  scoppia il crac Sindona, settembre 1974. Abruzzo, che aveva trascorso l’estate studiando legge fallimentare e legge bancaria (del 1936), diventa il “sindonologo”. Dopo una campagna sistematica di stampa, i suoi articoli convincono la Procura generale a costituirsi nel giudizio d’appello dell’insolvenza ‘nell’interesse della Nazione’. “Seguono gli anni terribili del terrorismo. Ma al terrorismo ero arrivato preparato sul piano storico-politico. Il 29 gennaio 1979, il giorno in cui fu ucciso il pm Alessandrini, mi ritrovai nella lista di ‘quelli da uccidere”  con Tobagi e Valiani, più 32 persone tra avvocati e magistrati. Il mio nome era stato segnato anche da Corrado Alunni, catturato dalla polizia nel settembre del ’78. Poi il successivo primo ottobre ci fu l’operazione del generale Dalla Chiesa che distrusse la colonna Alasia. La lista era stata lasciata da un confidente dei carabinieri sotto una 500 in viale Lombardia. Quel 29 gennaio 1979 fui chiamato di sera in Procura. Mi dissero di rintracciare Tobagi e di avvertirlo. L’indomani il Procuratore capo Mauro Gresti ci comunicò che eravamo soggetti a rischio. Cambiò la mia vita e il mio lavoro. Rientrai in redazione come caposervizio al Politico e poi ai Fatti della vita (la cronaca nazionale).
“L’uomo del Giorno lascia Il Giorno” titolerà Prima Comunicazione quando Abruzzo passerà al Sole 24 Ore, direzione Locatelli, il 5 dicembre 1983. Otto anni prima, quando Scalfari gli aveva offerto un posto a Repubblica, che doveva nascere nel gennaio 1976,  aveva firmato il contratto e poi rinunciato. “Non me l’ero sentita di lasciare un giornale con il quale mi identificavo”. Che l’aveva fatto crescere. Cosa deve essere un cronista? ”Passionale, Innamorato del lavoro, sempre in campana. La cronaca emoziona”. Cosa non deve dimenticare?. “Il cronista è uno storico del presente, deve consultare le fonti, scavare nella consapevolezza che ha poco tempo. Il nemico è il tempo. Deve parlare con le fonti, con la gente, con i testimoni”.
“Intercettai Tom Ponzi, sentito per spionaggio, perché ero lì, al piano terreno del Palazzo di giustizia davanti agli uffici della polizia giudiziaria (carabinieri). E stavo fino alle 2 di notte davanti al carcere per aspettare gli avvocati. Sempre con l’ambizione di ricostruire le storie”.
Racconta di “Vallanzasca, quando fu rapita la figlia di un noto industriale del mondo della bellezza. Il pm era un magistrato amico, che parlava uno stretto dialetto meridionale. Non lo capivano. Ero io l’interprete. Un giorno vedo il dossier. Ma come, gli dico, hai sul tavolo il diario della rapita e non me lo fai leggere. Ho pubblicato per sette giorni estratti del dossier, a puntate, Il Giorno toccò a Milano punte di 55mila copie. Altri tempi.
“Mi hanno querelato i mafiosi della banda Liggio e io li denunciavo subito per calunnia, sulla presunzione megalomane che avevo scritto la verità. Tutti archiviati. Quando uno si sente al centro del mondo, ha un alto sentire di se stesso. Era vita di grande ritmo. Era una vita bella. Ricomincerei daccapo. Anche ora. Durante il processo Liggio, – presidente del tribunale era Salvini con Colombo e Passerini giudici a latere, Pm Giovanni Caizzi-, il vecchio capoclan mi attaccò pubblicamente. Salvini pose una domanda. Io ero in piedi accanto allo scranno del Pm. Liggio mi guardò e puntò il dito: “Queste cose le ha scritte il segretario del pm”. Successe il finimondo, Finii in tv. Durante quel processo mi rubarono anche l’Alfa Giulia. La mattina in aula, don Coppola, cappellano della mafia, esclamò: “Ma un cronista può girare la città a piedi?”. Gli altri sgignazzavano. Sapevano tutto. Ho seguito la mia Giulia fino al porto di Catania, da dove fu imbarcata per Beirut. Così mi assicurò  l’avvocato di uno degli imputati. Era nuovissima e scattosa come tutte le Alfa.
Due episodi, però, illuminano il volto del vecchio cronista. Nei primi mesi del 1970 è il salvataggio di 5mila alberi della curva di Lesmo dell’autodromo di Monza. “Andò così, dice Abruzzo, in piazza Trento e Trieste a Monza incontro un assessore socialdemocratico, Penati, che mi parla degli alberi da tagliare per modificare la curva, E’ preoccupato. lo tranquillizzo e gli dico: dammi la delibera, me la cavo con 10 righe. All’indomani, Il Giorno pubblica di spalla in prima pagina un pezzone di 90 righe con un titolo su tre colonne. Succede il finimondo. Tifosi ed ecologisti vengono quasi alle mani. Penati mi rincorre e mi tocca giustificarmi dicendo che in redazione, a Milano, non capiscono nulla e che mi hanno costretto a scrivere quell’articolo  lunghissimo. Penati la beve. La foresta di Lesmo è simile a quella del Gargano, ed è il resto di quella famosa foresta umbra (il nome “umbra” deriva dal latino e significa cupa, ombrosa) che  30mila anni fa copriva tutta l’Italia. In redazione Mario Fossati, grande inviato di ciclismo, monzese, mi fa festa. Avevo salvato i suoi alberi”.
Franco Abruzzo è il cronista che rivelò il passaggio delle Brigate Rosse ai sequestri di persona. Era il maggio del ‘75 con un titolo in prima pagina su quattro colonne. Tutti increduli. Abruzzo ha buone fonti nel “collettivo” del generale  Carlo Alberto Dalla Chiesa. Verrà il 4 giugno la battaglia di Cascina Spiotta nell’alessandrino, i carabinieri uccidono Mara Cagol, moglie di Curcio, e liberano l’industriale vinicolo Vallerino Gancia. Muore l’appuntato D’Alfonso, ferito gravemente il tenente Rocca (oggi generale dell’Arma). Fu una battaglia violenta. Le br persero una base storica e il “comandante Mara”. “Quel colpo giornalistico – osserva oggi Abruzzo – mi mise in luce presso le br, che evidentemente presero nota del mio nome”.
http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=11109

Partager cet article

Repost0
20 janvier 2013 7 20 /01 /janvier /2013 21:41


ArtMonaco_13_eflyer_INFO.jpg 

 

PRIMO WEB MAGAZINE AL MONDO DI MONACO DIVENUTO CARTACEO.      

IN PAGINA WEB AMBASCIATA D'ITALIA NEL PRINCIPATO DI MONACO   
  ►http://www.ambprincipatomonaco.esteri.it/Ambasciata_Monaco/  

RETROUVEZ NOS ARTICLES WEB SUR "ROYAL MONACO JOURNAL" 
DECEMBRE '12 BLOG RANK  79

 

Christian Estrosi, Député-maire de Nice, président de la Métropole Nice Côte d'Azur, a présenté ses voeux ce lundi 7 janvier à 12h, à la Communaute italienne au Palais Masséna à Nice en présence de, Luciano Barillaro, Consul


voeux Estrosi ItalieMasséna070113 070 [© Brigitt-copie-1   

 

Général d'Italie à Nice, Gaston Franco, Député du Parlement européen, Maire de St. Martin-Vésubie, Rudy Salles, Député des Alpes-Maritimies, adjoint au maire de Nice et nombreuses personnalités.

 

 

voeux-Estrosi-ItalieMassena.jpg    Giovanni Barillaro, Consul Général d'Italie                                

 

 

"Une année exceptionnelle pour le couronnement de quatre ans d'efforts tourné vers l'embellissement de la ville, mais aussi vers plus de justice, plus de sécurité, dans les limites des pouvoirs du Maire".


                                voeux-Estrosi-ItalieMassena070113-021--c-Brigitte-Lachaud.JPG

 

"Avec l'ouverture de nouveaux parkings, avec l'inauguration du nouveau stade, la médiathèque qui ouvrira avec de nouveaux bâtiments de la gare du Sud et puis, le jardin extraordinaire que je veux évoquer qui sera la Coulée verte".


                                voeux-Estrosi-ItalieMassena070113-022--c-Brigitte-Lachaud.JPG   

                                Christian Estrosi - Maire député de Nice  


La disparition de la promenade du Paillon, dans quelques mois, elle apparaîtra dans un écrin de verdure, de parfums et de couleurs qui s'étendra jusqu'à la mer, comme personne ne l'aura jamais vu ni imaginé.

 

  

                


 

Un souvenir historique baptisé en 1946 boulevard Jean-Jaurès, s'appelait depuis 1880, le "boulevard des Italiens". Pour des raisons historiques, "je souhaite qu'à l'occasion de la création de la Coulée verte, cette dénomination soit rétablie". 


voeux-Estrosi-ItalieMassena070113-053--c-Brigitte-Lachaud.JPG       voeux-Estrosi-ItalieMassena070113-067--c-Brigitte-Lachaud.JPG

    

"Oui, chers amis, cette promenade qui est notre emblême et qui pour cela mérite d'être classée par l'Unesco au patrimoine mondial, comme j'en ai pris l'initiative, nous vivrons en 2013 une année splendide.Je me battrais pour qu'elle soit douce et féconde".

 

(c) Brigitte Lachaud

 

IN ITALIANO

Christian Estrosi, Vice Sindaco di Nizza, Presidente della Metropoli Nice Côte d'Azur, ha presentato i propri voti augurali Lunedi 7 gennaio alle 12 presso il Centro Comunitario degli Italiani al Palazzo Massena in Nizza, alla presenza di Luciano Barillaro, Console Generale d'Italia , Gaston Franco, Deputato del Parlamento Europeo e sindaco di St Martin-Vésubie, Rudy Salles, Deputato delle Alpi Maritimies e    Vice Sindaco di Nizza , ed a molte altre personalità .

"E' stato un anno eccezionale quale incoronazione di quattro anni di sforzi orientati all'abbellimento della città, ma anche verso la ricerca di  maggior giustizia, più sicurezza, ma sempre  nell'ambito delle competenze del Sindaco."

"Con l'apertura di nuovi parchi, con l'inaugurazione del nuovo stadio, della biblioteca mediatica
che aprirà con i nuovi edifici della Stazione Sud, e poi lo  straordinario  giardino, io desidero esprimere e confermare che esso completerà cio' che si puo' definire il "corridoio verde".   

La scomparsa della
Promenade del Paillon, tra pochi mesi, aprirà  un insieme di verde, di profumi e colori che si estenderanno fino al mare, come nessuno ha mai visto precedentemente o potuto  immaginare.

Da una memoria storica ribattezzata nel 1946, boulevard Jean-Jaurès, ma precedentemente denominata già dal  1880, il "viale degli italiani",  vorrei anche per le medesime ragioni storiche,   durante la creazione del corridoio verde, che questo nome venga ripristinato ".

 


"Sì, cari amici, viviamo nel 2013 un anno  splendido e questa promenade che è il nostro emblema  merita di essere classificato dall'UNESCO come Patrimonio Mondiale dell'Umanità, per il quale  ho già preso l'iniziativa. Mi battero' perché essa sia dolce e feconda ".

Partager cet article

Repost0

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche