Overblog
Suivre ce blog Administration + Créer mon blog
22 mai 2018 2 22 /05 /mai /2018 10:57
Critica del Festival di Cannes/ La miglior chiusura di Cannes è arrivata con Terry Gilliam


FESTIVAL DI CANNES

La miglior chiusura di Cannes è arrivata con Terry Gilliam

Francesco Boille, esperto di cinema e fumetti

Bella soddisfazione a Cannes per il cinema italiano, ma i titoli premiati erano più o meno situati ai posti sbagliati del palmarès. Molti i titoli dimenticati, spesso di più alta qualità, a compimento di un Concorso certo non esente da difetti ma comunque vario, che esprime la grande diversità del cinema contemporaneo.

Un esempio concreto sta proprio nei due ottimi titoli italiani, insieme opposti e complementari. Dogman di Matteo Garrone dice moltissimo sul paese contemporaneo. Dice cose gravi creando magie profonde ma partendo da quanto c’è di più brutto nella cronaca. Rovescia il tutto con un’umanità di fondo nel rappresentare l’inumanità ed esprime una profondità sorprendente di riflessione sull’Italia. Tutto questo non avrebbe mai funzionato senza Marcello Fonte, burattino, Pulcinella pasoliniano dell’Italia povera di un tempo e insieme disadattato del mondo dei reality show di oggi. In questo senso il premio a Fonte, sorpresa attoriale del cinema italiano, va a un artista fuori degli schemi, attivista e occupante, dunque a qualcuno che proviene dall’antisistema culturale e politico. Quello vero, costante e senza pose narcisistiche.

Il film di Alice Rohrwacher, lieve e profondo, realistico e poetico, dice la stessa cosa con dolcezza e incanto. È il rovescio speculare del film di Garrone, dove la dolcezza è assente. Per questa ragione riteniamo molto più interessanti e originali i film italiani tra quelli premiati, suscettibili di meritare la Palma d’oro più del vincitore. Inoltre il premio per la sceneggiatura a Lazzaro felice fa sorridere, perché il film di Rohrwacher è talmente libero che svicola anche dalla pur buona sceneggiatura.

Un film coraggioso
Però la Palma d’oro a Shoplifters di Hirokazu Koreeda forse permetterà a un pubblico più vasto di conoscere finalmente la delicata e ispirata cinematografia del regista giapponese incentrata sull’indagine delle relazioni umane, in particolare familiari, che la Tucker da tempo sta meritoriamente cercando d’imporre in Italia. Koreeda non è un maestro ma nemmeno lo pretende, il suo cinema è l’opposto della pretenziosità.


Shoplifters è un film profondo, con una prima parte più intensa e una seconda parte con alcuni eccessi di lentezze e ripetizioni. Non è particolarmente lento, semplicemente non mantiene sempre la tensione interna necessaria. Nell’insieme è comunque un bel film con una parte finale, geniale quanto agghiacciante, sulla solitudine alla quale pare inevitabilmente confinato chi è più marginale in Giappone. Nonostante i rilievi si tratta di un film coraggioso che mette sotto accusa la politica sociale del governo giapponese, provocando, a quanto pare, un silenzio imbarazzato a Tokyo. Koreeda, in realtà, meritava la Palma da tempo.

Il film dell’altro giapponese in concorso, Netemo sametemo di Ryusuke Hamaguchi, che sembra condividere con Koreeda la capacità di raccontare drammi duri in una quiete apparente (straordinaria la scena dove irrompe il terremoto), lo abbiamo però preferito per la più misurata ed efficace capacità di raccontare.

Ottimo invece il secondo premio (il grand prix) a Blackkklansmandi cui abbiamo parlato con entusiasmo, che rivela uno Spike Lee in forma. L’energia positiva del film nasconde una profondità, per i rimandi storici ma non solo, maggiore di quanto sembri. Cold war del polacco Pawel Pawlikowski (premio per la miglior regia, già noto in Italia per Ida) è un film scolastico con un bianco e nero di maniera che spesso suona falso (in particolare nella parte francese) e un po’ stucchevole nell’uso delle musiche. E non basta una scena finale di vera poesia per salvare un film artificioso e piuttosto ruffiano. L’iraniano Se rokh (Tre volti) di Jafar Panahi (confinato nel suo paese, la figlia ha ritirato il premio per lui), ex-aequo con Lazzaro felice, è film tanto di regia che di sceneggiatura. Anche se non era il film più bello del concorso meritava la Palma più del film di Koreeda.

I lungometraggi più forti e originali, a parte Le livre d’image di Godard, i titoli italiani e Se rokh, non sono stati premiati. En guerre di Stephane Brizé, Ash is purest white del maestro cinese Jia Zhang-ke, Burning del sudcoreano Lee Chang-Dong e soprattutto il russo Leto di Kirill Serebrennikov (che avrebbe meritato la Palma secondo molti critici di paesi diversi), sono rimasti fuori, tutte opere molto meno convenzionali e rassicuranti della maggioranza dei film premiati.

Cinismo e artificio
Un discorso a parte merita Capharnaüm della libanese Nadine Labaki (premio della giuria, il film uscirà in Italia per Lucky Red) privo di vera finezza, privo di una reale visione umana. Accumula con ridondanza un’infinità di questioni in maniera artificiosa come l’immigrazione africana, l’indifferenza della classe borghese, la compravendita degli esseri umani, l’infanzia abbandonata, ambientando il tutto nella moderna Beirut: troppi luoghi comuni e troppa carne al fuoco con il risultato di nessuna emozione profonda. L’asciuttezza del Rossellini di Germania anno zeroo di Abbas Kiarostami sono lontani anni luce da questo polpettone. Non basta uno straordinario volto di bambino dalla notevole capacità interpretativa (che avrebbe dato ancora di più con una grande regia). Inoltre ci si chiede se tornerà alla sua condizione di profugo siriano, perché il ricordo di The millionaire in cui i bambini indiani furono sfruttati e abbandonati, non si è ancora spento. Il neonato africano che in Capharnaüm viene fatto piangere continuamente rafforza la sensazione di cinismo oltre che di artificio e speriamo che un chiarimento dalla produzione o dalla regista possa sgomberare il campo da questi interrogativi, al di là di ogni valutazione critica.


Giurie e braccio di ferro
Forse sarebbe opportuno che a Cannes, come del resto a Venezia, si tornasse a far presiedere le giurie agli autori dei film invece che ad attori o attrici, riservandogli solo di tanto in tanto la presidenza. Tranne eccezioni, il pubblico non si sposta ai festival per i presidenti delle giurie. E forse troveremmo premiati film più innovativi e coraggiosi se a presiedere i festival trovassimo Agnès Varda e James Gray, Xavier Dolan o Wes Anderson. Tanto più che Cannes, come tutti i grandi festival, presenta il cinema d’autore, il cinema come arte, e solo occasionalmente anche come spettacolo.

Gilliam riesce in pieno a far tornare l’utopia, a ravvivare l’autenticità del sogno dell’infanzia e del sogno dell’artista

Sarà necessario un discorso articolato, ma su Netflix ha ragione Cannes. Il festival del cinema più importante del mondo, con il suo enorme Marché du film (e dell’audiovisivo) parte da una posizione di forza per contrattare. Ovviamente, le piattaforme come Netflix e Amazon contrattaccano e pare non abbiano comprato nulla al festival. Al tempo stesso al Marché gli accrediti sarebbero aumentati del 3 per cento rispetto al 2017. Inoltre, il rifiuto del festival di ospitare produzioni di Netflix (quasi sempre brutte o mediocri quando non realizzate da grandi autori) avrebbe preoccupato i vertici della società che ha bisogno del festival, che ha un’influenza decisiva sull’importante mercato francofono. Mentre Cannes, con la maggioranza delle produzioni Netflix ci fa ben poco.

Il braccio di ferro è insomma appena cominciato e i francesi sono abituati da tempo a queste guerre con gli americani. Benissimo ha poi fatto il festival a cambiare il calendario delle proiezioni stampa, anche se andrebbe trovata una soluzione per i colleghi dei quotidiani che arrivano con troppo ritardo ai loro lettori. Ma basta con twitter e compagnia. Non è solo Trump che deve imparare a usarlo. Anche i giornalisti, anche i critici, nel loro piccolo, devono tornare a proporre giudizi ponderati.

La rivincita dei mulini a vento
Infine, qualche parola su un magnifico ufo dell’industria cinematografica, l’opera di chiusura del festival. The man who killed Don Quixote di Terry Gilliam (fuori concorso). Sono circa trent’anni che Gilliam ci lavora, c’era stato già un primo tentativo di riprese nel 2000 con Jean Rochefort, poi abbandonato. Eppure, andando contro tutti i mulini a vento, quando oramai l’intera l’industria del cinema dava per morto questo film-utopia, Gilliam è riuscito nella grande impresa della sua vita. Ultimo impedimento, uno dei produttori, Paulo Branco, ha cercato di bloccarne la proiezione a Cannes. Il festival ha difeso a spada tratta Terry Gilliam e la giustizia francese gli ha dato ragione. Quanto al giudizio sul film, alcuni critici lo hanno attaccato duramente, altri lo hanno molto apprezzato. In effetti ci sono momenti deboli, che mancano d’intensità.


Ma la verità è che nell’insieme il film è straordinario e metaforizza, nella sua oscillazione continua tra realtà e sogno, tra cinema che si ostina a reinterpretare il mito e cinema che non riesce a farlo perché mediocre surrogato, la crescente difficoltà delle narrazioni di oggi a ritrovare l’epos e l’afflato delle grande finzioni del passato, della grande epica. Il film, spesso piuttosto divertente, a tratti annoia un po’ perché in fondo mette in scena volutamente delle parodie di parodie, o dell’autoparodia.

Metafora telefonata di questo è il vero protagonista, il regista pubblicitario interpretato da Adam Driver, vero cavaliere del film. Driver porta il film sulle proprie spalle dall’inizio alla fine. Inizia egocentrico, vacuo e insopportabile e finisce nobile, coraggioso e degno. Soprattutto finisce come un grande personaggio del passato, come un personaggio di una volta. Film di mutazioni continue, il passato e il presente, il sogno e la realtà, la grande finzione e il suo surrogato, alla lunga convivono incredibilmente bene e sorgono sorprese continue che progressivamente creano l’incanto. Bisognerà tornarci sopra al momento della sua uscita, perché il film è immancabile. Gilliam riesce in pieno a far tornare l’utopia, a ravvivare l’autenticità del sogno dell’infanzia e del sogno dell’artista contro i mulini a vento dell’industria omologante. Mai chiusura di festival fu più emblematica.

 

Partager cet article

Repost0
22 mai 2018 2 22 /05 /mai /2018 06:34
UNE AFFAIRE DE FAMILLE / HIROKAZU KORE-EDA

UNE AFFAIRE DE FAMILLE / HIROKAZU KORE-EDA

 La Palme d’or à Hirokazu Kore-eda et son «Une affaire de famille». L'Italie est le protagoniste à la fois avec le meilleur acteur, Marcello Fonte dans «Dogman», et avec le prix ex-aequo à Alice Rohwacher. Perplexité avec l'actrice Asia Argento du podium.

 

A 19 heures du 19 mai, dans le Grand Auditorium Louis Lumière, sous la direction de Thierry Frémaux et le jury de Cate Blanchett, Chang Chen, Ava Duvernay, Robert Guédiguian, Khadjia Nin, Léa Seydoux, Kristen Stewart, Denis Villeneuve et Andrei Zviaguintsev, ont été affectés, y compris des surprises et des désaccords, après près de deux semaines intenses de films plus ou moins beaux, la liste des prix pour cette 71e édition du Festival de Cannes 2018.

 

La Palme d'or a été décernée au japonais Kore-Eda Hirokazu avec Manbiki Kazoku (Shoplifters). Le Grand Prix du Jury du vainqueur Nadine Labaki pour son Capharnaüm, film jugé par la presse presque « chantageur ».

 

Il y a aussi eu beaucoup d'inquiétude pour la « sacralité » de la soirée de remise de prix, malgré les applaudissements, le discours anti-Weinsten de Asia Argento sur scène avec Blanchett:

 

 

 

« En 1997, j'ai été violée par Harvey Weinstein à Cannes. J'avais 21 ans. Ce Festival était son «territoire de chasse». Je veux faire une prédiction: Harvey Weinstein ne sera plus jamais là. Il vivra dans la disgrâce, exclu de la communauté qui l'a autrefois accueilli et a caché ses crimes ». Asia Argento a précisé que le problème est loin d'être résolu et que tous les coupables devront payer pour leurs péchés. « Et même ce soir, assis parmi vous, il y a ceux qui doivent encore être tenus responsables de leur comportement envers les femmes, qui ne sont pas acceptables dans ce domaine, tu sais qui tu es, mais surtout nous savons qui tu es et nous ne te laisserons pas partir !!! »

 

SPIKE LEE

D'un ton complètement différent entre le rire général était le discours en français au public par Roberto Benigni. Autour des prix, Alice Rohrwacher, décerné par les mains de Chiara Mastroianni, encaissant ex-aequo le  prix du meilleur scénario avec le film Lazarus Heureux et Matteo Garrone avec Dogman, les deux films néo-réalistes de genre qui ont triomphé sur la décision de la majorité des journalistes présents.

ROBERTO BENIGNI

 

 

MARCELLO FONTE et ROBERTO GARRONE

 

Marcello Fonte, meilleur acteur masculin du film de Garrone, a enthousiasmé le public et la presse. Alice Rohrwacher, nous nous souviendrons, dès 2014, avait obtenu le Grand Prix avec « Le Meraviglie ». Cette année, le Grand Prix a été décerné à la comédie avec un fond politique par Spike Lee, BlacKkKlansman.

 

 

 

Partager cet article

Repost0
18 mai 2018 5 18 /05 /mai /2018 18:24

Les Prix Un Certain Regard 2018

Ouverture

Les lauréats Un Certain Regard ©C. Bouilland/ FDC

Un Certain Regard 2018 a proposé dans sa compétition 18 films. 6 d’entre eux étaient des premiers films. Le film d’ouverture était DONBASS de Sergei Loznitsa.

Présidé par Benicio Del Toro (acteur, américano-portoricain), le Jury était composé d’Annemarie Jacir (réalisatrice et scénariste, palestinienne), Kantemir Balagov (réalisateur, russe), Virginie Ledoyen (actrice, française), et Julie Huntsinger (directrice exécutive du Festival du Film de Telluride, américaine).

«Nous pensons que parmi les 2000 films proposés au Festival cette année, les 18 sélectionnés au Certain Regard – depuis l’Argentine jusqu’à la Chine – sont tous à leur manière des vainqueurs. Au cours des 10 derniers jours, nous avons été extrêmement impressionnés par la grande qualité du travail présenté, mais au final nous avons été particulièrement émus par les 5 films suivants. »

Le Jury

PRIX UN CERTAIN REGARD

GRÄNS(BORDER) de Ali ABBASI

 

PRIX DU SCENARIO

SOFIA de Meryem BENM’BAREK

 

PRIX D’INTERPRETATION

Victor POLSTER pour GIRL de Lukas DHONT

 

PRIX DE LA MISE EN SCENE

Sergei Loznitsa pour DONBASS

 

PRIX SPECIAL DU JURY

CHUVA É CANTORIA NA ALDEIA DOS MORTOS
(Les Morts et Les Autres)

de João SALAVIZA et Renée NADER MESSORA

Voir plus

Partager cet article

Repost0
18 mai 2018 5 18 /05 /mai /2018 07:33
MCFW © FASHION AWARDS CÉRÉMONIE ET DÎNER DE GALA

   LA MONTE-CARLO FASHION WEEK INAUGURE
MCFW © FASHION AWARDS CÉRÉMONIE ET DÎNER DE GALA
YACHT CLUB DE MONACO
Mercredi 16 mai 2018

 

La 6ème édition de la Fashion Week Monte-Carlo a été inaugurée le mercredi 16 mai 2018 par la prestigieuse MCFW © Fashion Awards Cérémonie & Dîner de Gala, au prestigieux Yacht Club de Monaco, en présence de journalistes locaux et internationaux, buyers, VIP, célébrités et dignitaires Monégasques. Le prestigieux MCFW Fashion Awards, créé par la Chambre Monégasque de la Mode (CMM) depuis sa première édition est conçu par l'artiste brésilien et résident à Monaco Marcos Marin. Le prix est attribué à des stars dans divers domaines de l'univers de la mode.

 

La cérémonie de la remise des Prix MCFW© a débuté après un cocktail de bienvenue sur la terrasse surplombant le port et la mer Méditerranée. La charmante et glamoureuse Victoria Silvstedt a accompagné le MC Peter Mackley sur le podium. Federica Nardoni Spinetta, Présidente et Fondatrice de la Chambre Monégasque de la Mode a fait un bref exposé après l’introduction des dignitaires monégasques.

 

La remise du prestigieux MCFW Fashion Award à étè remis à :

 

La MAISON ETRO a reçu le MCFW © International Fashion Award, par Monsieur Serge Telle, Ministre d'État de la Principauté de Monaco et Federica Nardoni Spinetta, présidente et fondatrice de CMM.

 

RAHUL MISHRA a reçu le prix MCFW © Sustainable and Ethical Fashion Brand de Pascal Granero, représentant la Fondation Princesse Charlène de Monaco et Federica Nardoni Spinetta. La Chambre Monégasque de la Mode a honoré le designer indien Rahul Mishra pour son engagement et sa contribution à la mode avec sa marque éthique et durable.

S.E. Serge Telle et Flavio Briatore

FLAVIO BRIATORE était le bénéficiaire du prix pour la mode masculine de luxe MCFW ©, attribué par son Excellence Cristiano Gallo, ambassadeur d'Italie à Monaco et Rosanna Trinchese, directrice artistique de MCFW©. Flavio Briatore, l'un des hommes d'affaires italiens les plus brillants, a reçu ce prestigieux prix en reconnaissance de sa contribution au monde de la mode en tant que fondateur de la marque Billionaire Couture.

 

GERMAN LARKIN a été honoré avec le Prix pour la Photographie émergente MCFW©, attribué par Victoria Silvstedt, mannequin, actrice, chanteuse et personnalité de la télévision, et Rosanna Trinchese. Le CMM a souhaité honorer l'un des plus brillants talents de la photographie.

 

ISTITUTO MARANGONI a reçu le MCFW© Education Fashion Award d'Isabelle Bonnal, Directrice du Département de l'Education, de la Jeunesse et des Sports de Monaco, et Mireille Pietri, Secrétaire Générale de la Chambre Monégasque de la Mode.

Le CMM tenait à honorer l'un des principaux établissements d'enseignement dans le secteur de la mode. Ce prix est la reconnaissance pour l’engagement et pour la contribution de l’établissement au monde de la mode dédié à la formation de jeunes talents.

CONSTANZA CAVALLI ETRO a reçu le MCFW© Cultural Fashion Award de Karl E. Landler, acteur et réalisateur français primé, et Celina Lafuente de Lavotha, attachée de communication du MCFW & CMM.

Constanza Cavalli Etro, est la fondatrice du Milan Fashion Film Festival, et ce prix est pour le monde culturel.

 

DANIEL FLACHAIRE OF BANANA MOON a reçu le prix MCFW© Made-in-Monaco, décerné par Marjorie Crovetto-Harroch, représentant l'Hôtel de Ville de Monaco et Celina Lafuente de Lavotha, Communications Attache MCFW & CCM.

Une des marques monégasques des plus brillantes et à la mode. Le prix est la reconnaissance à la Banana Moon pour l’engagement du « Made in Monaco » et pour l’engagement envers la Principauté de Monaco.

 

Flavio Briatore - Rosanna Trinchese e l'Ambasciatore Cristiano Gallo (c)CG Albuquerque

 

La cérémonie de remise des MCFW© Fashion Awards a été suivie d'un dîner de gala animée avec le DJ Samantha Flores qui a fait danser tout le monde toute la nuit.

 

Photos:

Awards winners group photo: (Gauche a droite) MC Victoria Silvstedt, Pascal Granero (Fondation Princesse Charlene de Monaco), H.E. Cristiano Gallo, Ambassador of Italy in Monaco, Celina Lafuente de Lavotha, Communications Attache MCFW & CMM,  Daniel Flachaire of Banana Moon, Marjorie Crovetto-Harroch representing the Town Hall of Monaco, H.E. Serge Telle, Minister of State of Monaco, Federica Nardoni Spinetta, Founder and President of CMM and MCFW, Flavio BriatoreRosanna Trinchese, Art Director MCFW, Marcos Marin, Brazilian and Monaco Resident artist, Mireille Pietri, General Secretary of CMM, Constanza Cavalli Etro, French actor Karl E. Landler, Kean Etro, Rahul Mishra and Giulia Pirovano of Istituto Marangoni @Saverio Chiappalone

 

Partager cet article

Repost0
17 mai 2018 4 17 /05 /mai /2018 16:49
LA PALMA DEL FESTIVAL

LA PALMA DEL FESTIVAL

CHOPARD SECRET PARTY CANNES FILM FESTIVAL

Venerdi 11 maggio la notte di Cannes è stata illuminata da uno dei party più esclusivi e attesi in occasione del Festival del Cinema di Cannes: la CHOPARD SECRET NIGHT, spettacolare serata organizzata dalla Maison che ha riunito i suoi più importanti e selezionatissimi clienti venuti da ogni parte del mondo per omaggiara Caroline Scheufele e la sua strabiliante collezione di Haute Joaillerie Red Carpet, come pure molte stars del cinema quali Julianne Moore e modelle del calibro di Irina Shayk e Kendall Jenner.

Ospite della serata anche la Marchesa Roberta Gilardi(sopra nell'immagine in "NEDO Haute couture e parure di smeraldi", e consorte, apprezzati clienti della Maison da lungo tempo.

Julienne Moore

La serata si è svolta nel magnifico "Château de la Croix des Gardes" i cui stupendi fradini hanno fatto dacornice alla magnifica atmosfera nella quala la Maison Chopard, maestra nell'ospitare serate memorabili, ha tenuto quella che puo' essere considerata la più bella e fastosa!

Il "Château de la Croix des Gardes", maestosa residenza in stile neo-palladiano, fu scelto da Alfred Hitchcok nel 1955 comme scenario del suo famosissimo film "To catch a thief" con gli indimenticabili protagonisti, Grace Kelly e Cary Grant.

Lupita Nyong'o

La blindatissima serata ha immerso gli ospiti in un "Bal Masqué" in cui protagonista è stata bellezza e l'eleganza sulla Passerella allestita sulla piscina della tenuta, 10 tra le più importanti "top models" al Mondo hanno indossato le ineguagliabili creazioni Haute Joaillerie della collezione "Red Carpet".

 

Alla fine della cena, una performance privata di Enrique Iglesias ha entusiasmato gli ospiti facendoli danzare sino a notte molto inoltrata.

La Marchesa Roberta Gilardi.

Photo(c) Alfonso CATALANO

 

Partager cet article

Repost0
16 mai 2018 3 16 /05 /mai /2018 14:26
Nice Jazz Festival 2018: Kimberose, Aloe Blacc et  Nathaniel Rateliff & The Nights Sweats  intègrent la programmation du Nice Jazz

Kimberose, Aloe Blacc et

Nathaniel Rateliff & The Nights Sweats

intègrent la programmation du Nice Jazz Festival 2018

 

Du 16 au 21 juillet 2018, 36 groupes, dont l’emblématique Massive Attack, se produiront durant 6 soirées consécutives, avec unesoirée spéciale le 17 juillet, à raison de 6 plateaux par soir sur scènes en simultané. Ce rendez-vous incontournable de l’été, qui fêtera cette année son 70e anniversaire, devrait rassembler 45.000 personnes.

! ACTU ! Trois groupes supplémentaires seront à l’affiche du Nice Jazz Festival 2018 : Kimberose, Aloe Blacc (16 juillet)et Nathaniel Rateliff & The Nights Sweats (21 juillet). Ils se produiront sur la scène Masséna.

 

KIMBEROSE – Lundi 16 juillet à 20h / Scène Masséna

 

Avec sa voix et sa présence exceptionnelles, Kimberly est en passe de devenir la nouvelle diva de la musique soul ! Il y a deux ans, la jeune femme était infirmière et n’avait jamais pris un seul cours de chant. Dans son premier album, elle se livre et offre au public le joli trésor qu’elle gardait pour elle jusque-là. Une révélation musicale à découvrir absolument !

 

Kimberly Kitson Mills – Chant

Anthony Hadjadj – Guitare

François Fuchs – Contrebasse

Alexandre Delange – Claviers

Frédéric Drouillard – Batterie

 

ALOE BLACC – Lundi 16 juillet à 21h15 / Scène Masséna

 

Vous avez certainement déjà dansé sur le célèbre morceau « Wake Me Up » qu’Aloe Blacc interprète avec le groove et la classe des grands chanteurs de soul ! Originaire de Californie, il a chanté pendant dix ans dans le groupe de rap Emanon avant de connaître un vif succès en 2010 avec son tube « I Need A Dollar ». Depuis, il a participé à l’album « Dusty Rainbow from the Dark » de Wax Tailor, sorti la version soul du tube « Walking on the Moon » du groupe The Police ou encore collaboré avec le DJ Avicii, récemment disparu, sur les morceaux « Wake Me Up ! » et « Black and Blue ». Une voix soul sculptée par dix années de rap au charme dévastateur !

 

NATHANIEL RATELIFF & THE NIGHTS SWEATS > Samedi 21 juillet à 20h / Scène Masséna

 

Nathaniel Rateliff, surnommé le « héros folk-pop de Denver » par le New York Times, invite le public à le suivre pour un voyage musical unique où soul et country se rencontrent et s’unissent. Un style déjà rodé avec son premier groupe « Nathaniel Rateliff & the Wheel ». Mais le chanteur décide de mener une carrière solo. Son univers est plus mélancolique, comme en témoigne l’album « In Memory of Loss ». En 2015, le chanteur se fait connaître grâce à l’album « Nathaniel Rateliff & The Night Sweats » paru sur le légendaire label Stax ! Première partie de Bon Iver, invité du Jimmy Fallon Show, le cowboy de Denver va vous faire danser !

Nathaniel Rateliff – Chant 

Wesley Watkins – Trompette

Andreas Wild – Saxophone 

Joseph Pope III – Basse

Luke Mossman – Guitare 

Mark Shusterman – Claviers 

Patrick Meese – Batterie 

 

Bénéficiez du tarif « Prévente » jusqu’au dimanche 20 mai 2018 !

 

A l’affiche entre autres : Grégory Porter, Massive Attack, Orelsan, Parov Stelar,

Jack Johnson, Rag’N’Bone Man, Mélanie De Biasio, Randy Weston’s African Quintet, Sons of Kemet, Rhoda Scott, Soulwax

 

Retrouvez la programmation sur http://www.nicejazzfestival.fr

Et réservez en ligne sur https://nicejazzfestival.fnacspectacles.com

 

 

Partager cet article

Repost0
15 mai 2018 2 15 /05 /mai /2018 18:30
TONY WOOD WON TEMEC et SHARON SHONE

TONY WOOD WON TEMEC et SHARON SHONE

 

Encore une fois le GP Historique de Monaco rencontre un grand succès de publique avec plus de 40.000 spectateurs  pendant les trois jours  entre les essais  et les compétitions. Les anciens champions Boutsen, Watson et Jacky Ickx y étaient présent  en appréciant la qualité de la nouvelle Parade  F1 Héritage.

BUGATTI 1926 TYPE

Show de SAS le Prince Albert qui a régalé les spectateurs  entre deux course à la guide d’une « unique voiture», le concept-car « Marzal Lamborghini »avec à bord les neveux Louis Ducruet et Andrea Casiraghi et 51 ans après que le Prince Rainier III et la Princesse Grace fassent leur premier tour sur la piste mais avant le départ de la F1.

Dans les Paddocks, la convivialité du Grand Prix Historique  se place en évidence avec  des coupes de champagne, selfies et belles dames dans une atmosphere de relax comme on pourra remarquer par les images de Claudia Albuquerque avec  la seduisante Sharon  Shone.

 

CHOPARD!  GRAND SPONSOR  DEL GRAND PRIX HISTORIQUE DE MONACO

 

Partager cet article

Repost0
14 mai 2018 1 14 /05 /mai /2018 17:59
AMBER LOUNGE MONACO PRÉSENTERA LA COLLECTION DU COUTURIER ALESSANDRA VICEDOMINI

LA COLLECTION DU COUTURIER ALESSANDRA VICEDOMINI A AMBER LOUNGE

  • Le couturier ALESSANDRA VICEDOMINI en tête d’affiche du défilé de mode d’Amber
  • Lounge 2018
  • Pilotes de F1, personnalités féminines de la F1 et mannequins défileront lors de
  • l’évènement le plus connu du Grand Prix de Monaco
  • Cette soirée de charité soutiendra l’association de la fondation de Sir Jackie Stewart
  • « Race Against Dementia »

                                                    AMBER LOUNGE : F1 Events & Hospitality

 

Vendredi 25 mai, Amber Lounge proposera un programme spectaculaire. De nombreuses célébrités se montreront présentes lors de l’évènement du Grand Prix de Monaco où la maison de couture ALESSANDRA VICEDOMINI sera au centre de l’attention et présentera sa collection 2018, dont plusieurs pièces réalisées spécialement pour l’occasion.

La nouvelle édition d’Amber Lounge s’ouvrira sur le défilé de mode des pilotes de formule 1 des équipes Force India, Toro Rosso, Williams et Sauber qui feront vibrer le public grâce à leurs costumes réalisés par CRISONI. Esteban Ocon, Marcus Ericsson,Charles Leclerc, Sergey Sirotkin, Pierre Gasly, Brendon Hartley  feront partis des pilotes qui marcheront tels de vrais mannequins sous les yeux des invités, traversant la sublime piscine de l’hôtel du Méridien Beach Plaza.

ALESSANDRA VICEDOMINI clôturera le défilé avec un grand final qui donnera le coup de feu d’une soirée mémorable avec en fond de toile la mer méditerranée.  

Le défilé de mode sera suivi de la vente de charité qui soutiendra la fondation de Sir Jackie Stewart « Race Against Dementia » dont le but est de récolter des fonds pour la recherche et le traitement thérapeutique de la maladie d’Alzheimer.

Les invités dineront ensuite en profitant d’une vue incroyable sur la mer Méditerranée avant de rejoindre l’after-party où les performances de SIGALA et artistes du monde entier s’enchaineront jusqu’au petit matin. 

INFORMATIONS

Date: Vendredi 25/Samedi 26/Dimanche 27 mai 2018
Lieu : Le Méridien Beach Plaza Hotel, 22 Avenue Princesse Grace, 98000 Monaco

NOTES

Amber Lounge a réalisé sa première vente de charité en 2006 et a depuis levé des fonds pour des fondations connues mondialement telles que la fondation de S.A.S la Princesse Charlène de Monaco The Special Olympics, le fond pour les enfants de Nelson Mandela ou encore la fondation u pilote de F1 Sergio Pérez. Ces 10 dernières années, Amber Lounge a levé plus de 4 millions d’euros pour des fondations mondiales. Amber Lounge a été fondé par Sonia Irvine, qui a travaillé dans le monde de la F1 pendant 20 ans et a lancé son premier évènement en 2003, à Monaco. L’expérience d’une soirée ultra-VIP où les équipes, pilotes, sponsors et invités peuvent célébrer le week-end du Grand Prix ensemble. Depuis plus de 10 ans, Amber Lounge organise ses événements autour du monde. En 2017, Amber Lounge sera présent à Monaco, Singapour, Mexico City et Abu Dhabi. http://amber-lounge.com/index.php/tickets/  

RESERVATIONS

sales@amber-lounge.com
www.amber-lounge.com

+33 6 07 93 46 25

Contact presse -
press@amber-lounge.com

Partager cet article

Repost0
14 mai 2018 1 14 /05 /mai /2018 16:52
ROBERTO BENIGNI E NICOLETTA BRASCHI

ROBERTO BENIGNI E NICOLETTA BRASCHI

 

 

Domenica al Festival del Cinema di Cannes c’era anche Jane Fonda

per l’anteprima di « Jane Fonda in Five Acts », un documentario di HBO sulla sua carriera di attrice e attivista. Poi è stata la volta di  Roberto Benigni con la moglie Nicoletta Braschi che è tra gli interpreti di Lazzaro felice,dell’italiana Alice Rohrwacher, una delle tre donne registe in concorso che uscirà nei cinema il 31 maggio. La trama racconta la storia di un giovane contadino ingenuo, Lazzaro, e della sua amicizia con Tancredi, che lo porterà in città, un mondo molto diverso dal suo. E’ stato presentato in concorsanche anche Shoplifters (Manbiki Kazoku) del regista giapponese Kore-Eda Hirokazu e che racconta la storia di una famiglia povera in cui padre e figlio si dedicano al taccheggio e a un certo punto “adottano” una ragazzina abbandonata portandosela a casa.

Fuori concorso è stato proiettato Sink or swim (Le grand bain) del regista francese Gilles Lellouche (vedi foto ): il protagonista è un uomo depresso di 40 anni  che si iscrive a un corso di nuoto sincronizzato maschile, che per lui e gli altri partecipanti diviene molto importante da non farne a meno. C’è già stata una proiezione speciale del documentario su papa Francesco fatto dal regista tedesco Wim Wenders e, per la sezione Un Certain Regard , sono stati proiettati un film autobiografico : Manto, (lo scrittore indiano Saadat Hasan Manto), diretto dall’attrice e regista Nandita Das, ed il film  Murder me, monster (Muere, monstruo, muere), dell’argentino Alejandro Fadel, che racconta dell’indagine  su una  donna trovata decapitata sulle Ande.

CLAUDIA CARDINALE

ISABELLE HUPPERT

GUILLAUME CANET

PHOTO (c) J.M. PRIORIS-ROYAL MONACO

Partager cet article

Repost0
13 mai 2018 7 13 /05 /mai /2018 13:14
Cannes Festival : Simbolica manifestazione di 82 stars - Royal Monaco - J.M. Prioris

Cannes Festival : Simbolica manifestazione di 82 stars decise a rivendicare i loro diritti di donna alla luce del caso Harvey Weinstein.

La marcia simbolica sul tappeto rosso è stata organizzata con la portavoce Agnes Varda prima della proiezione di 'Filles du soleil',film della francese Eva Husson  in lizza per la Palma d'oro.

La cineasta Agnès Varda,  affiancata dalla presidente della giuria, l'australiana Cate Blanchett, ha  espresso dal red carpet del Festival  la decisione di rivendicare i  diritti della donna alla luce del caso Harvey Weinstein, sulle molestie sessuali e stupro di un centinaio di donne. In sostanza, la richiesta è rivolta a mo’ di sfida ai governi e poteri pubblici affinché venga applicata la parità, la trasparenza, contro le diversità negli ambienti lavorativi.

Pedro AMOLDOVAR

Non a caso, hanno affermato che, dall’inizio del Festival, mentre gli uomini registi sono stati ben 1.688 dei quali 71 premiati con la Palma d’Oro, le donne sono solo 82, la Agnes Varda col Premio alla Carriera nel 2015 e nel ’93 Jean Champion con « Lezione di piano » ex equo col regista cinese Chen Kaige.

 

HARRY ROSENDALL

HARRY ROSENDALL

VINCENT CASSEL ET SA FUTURE FEMME

VINCENT CASSEL ET SA FUTURE FEMME

Cannes Festival : Simbolica manifestazione di 82 stars - Royal Monaco - J.M. Prioris

Partager cet article

Repost0
11 mai 2018 5 11 /05 /mai /2018 07:18
ASH IS PUREST WHITE
(JIANG HU ER NV)
 
A film by Jia Zhangke
 
**Press notes and images available at the following link: ASH IS PUREST WHITE**
**Film premieres tonight in Cannes**
 
 
Qiao is in love with Bin, a local mobster. During a fight between rival gangs, she fires a gun to protect him. Qiao gets five years in prison for this act of loyalty. Upon her release, she goes looking for Bin to pick up where they left off.
 
Director: Jia Zhangke
Cast: Tao Zhao, Liao Fan
Sales: mk2 Films
US/International Press Days: Sun. May 13 || Mon. May 14
Film Team in Cannes: Jia Zhangke (Director), Tao Zhao (Cast), Liao Fan (Cast)
Press Conference: Saturday, May 12, 12:30PM
 
Screenings:
Friday, May 11, 7:00PM - Debussy (Press)
Friday, May 11, 7:15PM - Bazin (Press)
Friday, May 11, 7:30PM - Lumiere (Official Screening)
Friday, May 11, 10:00PM - Bazin (Press)
Saturday, May 12, 10:30AM - Soixantieme
Saturday, May 12, 11:00AM - Lumiere
 

Partager cet article

Repost0
11 mai 2018 5 11 /05 /mai /2018 06:23
MISS MONDE-IRIS MITTENARD - PERSONNAGE FILM"PLAISIR,AIMER ET COURRIR VITE"
MISS MONDE-IRIS MITTENARD - PERSONNAGE FILM"PLAISIR,AIMER ET COURRIR VITE"

MISS MONDE-IRIS MITTENARD - PERSONNAGE FILM"PLAISIR,AIMER ET COURRIR VITE"

 THYLANE BLONDEAU

THYLANE BLONDEAU

SYLVIE TELLIER, PRESIDENTE COMITE MISS FRANCE

SYLVIE TELLIER, PRESIDENTE COMITE MISS FRANCE

Partager cet article

Repost0
2 mai 2018 3 02 /05 /mai /2018 19:11
AL VIA IL VOTO ONLINE PER LE SEMIFINALI DI ARISTON COMIC SELFIE, ARISTON COMIC SELFIE PARODY E ARISTON SELFIE POETRY.

AL VIA IL VOTO ONLINE PER LE SEMIFINALI DI ARISTON COMIC SELFIE, ARISTON COMIC SELFIE PARODY E ARISTON SELFIE POETRY. Voto aperto sul sito www.aristoncomicselfie.com dal 1° all’ 8 maggio verso le finalissime del 30 e 31 maggio a Sanremo

 

Ecco come si vota per lo spettacolo del web. Tutte le info

 

Da YouTube al Teatro Ariston di Sanremo in un minuto e mezzo. Ariston Comic Selfie è il talent online che porta la comicità dal mondo del web al palcoscenico più famoso d’Italia grazie ad un video-selfie divertente (Ariston Comic Selfie) o una video-parodia (Ariston Comic Selfie Parody) della durata massima di 90 secondi a cui si aggiungono quest’anno la nuova sezione Ariston Selfie Poetry. 

 

Un format di proprietà e ideazione del Teatro Ariston di Sanremo che, giunto alla terza edizione, è diventato il punto di riferimento per quei giovani talenti che, tramite il web, ambiscono ad approcciare il mondo del grande spettacolo.

 

L’iniziativa permette a singoli artisti e/o duetti di effettuare delle performance-video (max 90 secondi) per esprimere le loro qualità. Tali performance vengono messe in rete sul sito ufficiale della manifestazione www.aristoncomicselfie.com e sottoposte al giudizio del pubblico del web con un sistema di votazione ad hoc, mentre una giuria di qualità ha il compito di selezionare altri candidati meritevoli e di farli così procedere nelle tappe successive del contest.

 

Il voto online per le semifinali di Ariston Comic Selfie, per Ariston Comic Selfie Parody e per Ariston Selfie Poetry, è aperto da martedì 1 a martedì 8 maggio.

 

Regole di Votazione: si potranno esprimere un massimo di TRE (3) voti sul sito ufficiale della manifestazione www.aristoncomiselfie.com direttamente nella pagina dedicata ad ogni singolo concorrente. IMPORTANTE: i tre voti non sono cumulabili ed ogni partecipante potrà essere votato una sola volta.

 

Tutti i voti pervenuti all’organizzazione nel periodo sopraindicato verranno controllati e verranno pubblicate le classifiche aggiornate con i risultati parziali delle votazioni.

 

 

ARISTON COMIC SELFIE – Sono 16 e hanno già passato una prima selezione. Ora da 16 dovranno passare a 5. Ariston Comic Selfie entra nel vivo con un’appassionante semifinale che schiuderà le porte del Teatro Ariston di Sanremo a 5 talenti del web per le finalissime sul palcoscenico più famoso d’Italia mercoledì 30 e giovedì 31 maggio.

 

Di questi cinque, tre saranno determinati dal voto del web e due saranno invece scelti dalla giuria di qualità della manifestazione.

 

I 16 semifinalisti di Ariston Comic Selfie:

 

  1. Danilo Monterotti
  2. Marco Calcagno e Nicola Fazio
  3. Umberto Maria Sasso e Giuseppe Tebaldi
  4. William Volpicella e Valentina Gadaleta
  5. Raffaello Corti
  6. Nicolò D’Angelo
  7. Karl Mirabelli
  8. Bruno Interlandi e Marco Rudel
  9. Giovanni Lopedota
  10. Gianluca Criscuolo
  11. Chiara Battistini
  12. Marco Bernardini
  13. Luca Cristiani
  14. Roberto Lanzolla
  15. Vittorio Pettinato e Matteo Portinari
  16. Thomas Zamboni

 

ARISTON COMIC SELFIE PARODYPortare le parodie che tanto spopolano sul web sul palco della canzone italiana per antonomasia? Tutto questo è possibile grazie ad Ariston Comic Selfie Parody, il primo e unico web contest dedicato alle video-parodie delle canzoni famose.

 

Scopriamo chi sono i cantanti, gli YouTuber e gli appassionati di parodie che si sono messi in gioco con l’obiettivo di portare la loro canzone sul palco più famoso d’Italia nella serate finali del 30 e 31 maggio. I selezionati sono stati dieci.

 

  1. Andrea Lavalle e Luca Costale
  2. Crescenzo Greco e Mario Barone
  3. Michele De Pascalis
  4. Gioacchino Gargano
  5. Maria Esposito & Carmine Bassolillo
  6. Andrea Maluccio & Danilo Secondo Brandizzi
  7. Nicola Ghione
  8. Gabriele Mastropietro
  9. Maury Incen
  10. Carla Zarbà

 

Quattro di loro conquisteranno l’accesso alla finalissime di Ariston Comic Selfie.

Di questi quattro, due saranno determinati dal web e due saranno scelti dalla giuria di qualità della manifestazione.

 

ARISTON SELFIE POETRY – I poeti e la poesia protagonisti sul web e al Teatro Ariston di Sanremo con Ariston Selfie Poetry, la grande novità della terza edizione di Ariston Comic Selfie.

 

I 9 selezionati di Ariston Selfie Poetry:

 

  1. Gabriel Pirco
  2. Valentina Carinato
  3. Shany Martin
  4. Riccardo Cacace
  5. Sara Colonnelli
  6. Lorenzo Calvani
  7. Nicola Pisano
  8. Emanuele D’Amico
  9. Simone Bacchilega

 

Tre di loro conquisteranno l’accesso alla finalissime di Ariston Comic Selfie.

Di questi tre, due saranno determinati dal web mentre il restante sarà scelto dalla giuria di qualità della manifestazione.

 

 

LE FINALI DI ARISTON COMIC SELFIE 2018

 

Coloro che dalle votazioni risulteranno i 5 finalisti di Ariston Comic Selfie, i 4 finalisti di Ariston Comic Selfie Parody e i 3 finalisti di Ariston Selfie Poetry, avranno la possibilità di esibirsi sul palco del Teatro Ariston Sanremo durante le finalissime di mercoledì 30 e giovedì 31 maggio 2018.

 

Le serate finali, nelle diverse figure di conduttori e ospiti, vedranno la partecipazione di Diana Del Bufalo, Edoardo Mecca, Leonardo Fiaschi e Chiara Magliocchetti, e saranno trasmesse in diretta streaming dal Teatro Ariston di Sanremo. Il backstage interattivo sarà invece animato da Marco Abbro e  Fabiano Pagliara, del duo Marco e Fabiano, già vincitori dell’Ariston Comic Selfie Parody 2017, autori di parodie virali sul web e oggi creativi per l’agenzia Armando Testa.

Il tutto sarà accompagnato dalla musica della dj e cantante sanremese Georgia Mos.

 

La giuria di qualità di Ariston Comic Selfie 2018 è invece composta da Carla Vacchino, proprietaria del Teatro Ariston, la Responsabile Ufficio Promozionale Culturale SIAE Danila Confalonieri, la cantautrice e regista Isabella Biffi, Red Ronnie, il poeta Giuseppe Conte e l’artista Marco Lodola.

 

Ariston Comic Selfie 2018 è una manifestazione organizzata con il contributo di SIAE, Società Italiana degli Autori ed Editori, e con il patrocinio di Regione Liguria, Comune di Sanremo, AGIS, Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, FITA Federazione Italiana Teatro Amatoriale e Camere di Commercio Riviere di Liguria.

 

https://www.scopp-securite.com/

 

Partager cet article

Repost0
1 mai 2018 2 01 /05 /mai /2018 15:27
ROYAL MONACO : Niente selfie al festival di Cannes

Vietati gli autoscatti sui red carpet in programma dal 9 al 18 maggio. 

«A Cannes si va per guardare, non per essere visti», ha spiegato il curatore del Festival, Thierry Fremaux, in conferenza stampa a Parigi. E poi: «  La banalità e il rallentamento del flusso provocato dal disordine dei selfie rovinano la qualità della sfilata, e quindi di tutto il Festival ed in più 9 volte su 10 sono brutti». Eppure alle star piacciono i selfies !

Dustin Hoffman, sul red carpet del film Formidabile si lascia fotografare da un paparazzo. Tilda Swinton e Bong Joon-ho si fanno un selfie al photocall di Okja sempre durante l’ultimo festival di Cannes nel 2017. Così come Nicole KidmanMamadou Doumbia al photocall del film The Killing Of A Sacred Deer. Sylvester Stallone nel 2014 si è addirittura concesso un selfie su un carro armato all’arrivo del photocall de I mercenari 3 nel 2014. Javier Bardem e Josh Brolin già nel lontano 2007 si erano autoritratti alla festa di gala del film Non è un paese per vecchi. Sorpresa? Perché? Anche alle star piace postare i propri scatti su Instagram. Piuttosto non si capisce bene cosa accadrà in caso di selfie selvaggio. Le star verranno multate se tireranno fuori il cellulare? Ad ogni modo, questo divieto è solo uno dei cambiamenti di questa direzione che ha deciso anche di abolire le proiezioni anticipate per la stampa forse per evitare fischi e stroncature in anteprima. «È un festival che ragiona sui mutamenti in corso e che ha la forza di lanciare sfide, a costo dell’impopolarità», scrive il critico cinematografico Teresa Marchesi sull’Huffington Post.

 

ROYAL MONACO : Niente selfie al festival di Cannes

 

I RICORDI. «Il Festival del 1968 si aprì il 10 maggio con la proiezione di un film restaurato dal titolo profetico: Via col vento», ricorda Gilles Jacob, il presidente onorario di Cannes che, nell’anno fatidico della contestazione, era sulla Croisette in qualità di giovane critico e dal 1978 in poi avrebbe lavorato al Festival, edificandone il prestigio e la grandeur. «Truffaut non aveva digerito il licenziamento del capo della Cinémathèque Française Henri Langlois, deciso dal ministro Malraux. E quando il regista arrivò a Cannes per organizzare la protesta, Godard lo convinse ad ampliare il tiro perché non era in gioco soltanto il futuro dell’istituzione parigina ma quello del cinema e dell’intera società francese».

ROYAL MONACO : Niente selfie al festival di Cannes

Everybody Knows di Asghar Farhadi, con protagonisti Penélope Cruz e Javier Bardem, sarà presentato come film d’apertura nel Concorso Ufficiale del 71esimo Festival del Cinema di Cannes. La nuova pellicola diretta dal regista Asghar Farhadi, il thriller psicologico Everybody Knwos, con protagonisti Penélope Cruz e Javier Bardem accompagnati da Ricardo Darín.

ROYAL MONACO : Niente selfie al festival di Cannes

Cannes Classics

ospiterà la prima mondiale della versione in 70 mm dell’innovativa epopea di fantascienza di Stanley Kubrick, 2001: Odissea nello spazio.

La proiezione si terrà 12 maggio 2018 e avrà un’apertura speciale ad opera del regista Christopher Nolan, per la prima volta al Festival di Cannes. Alla proiezione parteciperanno anche alcuni membri della famiglia di Stanley Kubrick, tra cui la figlia Katharina Kubrick e il partner in produzione Jan Harlan. Nolan parteciperà anche a un Masterclass a Cannes, fissata per domenica 13 maggio, durante la quale discuterà la sua pluripremiata filmografia e condividerà la sua passione per il singolare lavoro di Stanley Kubrick. Per la prima volta dall’uscita originale, questa versione da 70 mm è stata arricchita da nuovi elementi realizzati con il negativo della fotocamera originale. Questa è una vera ricreazione fotochimica. Non ci sono trucchi digitali, effetti rimasterizzati o modifiche revisioniste. La versione originale verrà presentata per ricreare al pubblico la sensazione degli eventi cinematografici vissuti 50 anni fa. Amante di lunga data del defunto auteur americano, Nolan ha lavorato a stretto contatto con il team della Warner Bros. Pictures durante tutto il processo di masterizzazione.Con 2001: Odissea nello spazio, il regista Stanley Kubrick ha ridefinito i limiti del cinema e ha consolidato la sua eredità come uno dei registi più rivoluzionari e influenti di tutti i tempi. Originariamente pubblicato in formato Cinerama Roadshow 70mm il 3 aprile 1968, il film ha acceso l’immaginazione della critica e del pubblico e il suo impatto continua a risuonare fino ad oggi.

Thierry Frémaux, afferma: “ È un grande onore per il Festival di Cannes ospitare la celebrazione del 50 ° anniversario di uno dei film più straordinari della storia del cinema. E per dare il benvenuto al Festival per la prima volta, Christopher Nolan, la cui presenza crea un legame prezioso tra passato e presente, senza il quale il cinema non avrebbe storia. »

 

Partager cet article

Repost0
1 mai 2018 2 01 /05 /mai /2018 09:16
Présentation du 69è Festival de Musique Menton

 

 69è Festival de Musique Menton
Villa Maria Serena - le 20 avril 2018

 

Le Festival de Musique de Menton est l’un des évènements musicaux majeurs du sud de la France, au cœur de l’été.

 

 

Chaque année, des interprètes prestigieux livrent une prestation rare, portés par l’acoustique hors pair du parvis de la Basilique Saint-Michel Archange, lieu devenu mythique.

Là, sous les étoiles d’un ciel reflet de l’azur méditerranéen, l’émotion musicale qui les transcende est magnifiée par le paysage grandiose.

Créé par le regretté André Böröcz, qui en eut l’idée en écoutant un violon interpréter Bach depuis une fenêtre aux abords du parvis, le Festival de Musique de Menton réussit l’alchimie parfaite entre le temporel et le spirituel, au point de séduire les plus grands parmi lesquels : Aldo Ciccolini, Isaac Stern, Mstislav Rostropovitch, Maria-João Pires, Fazil Say ou encore Diana Damrau, Gidon Kremer, Nelson Freire…

 

 

Depuis quelques années, l’évènement poursuit plus avant sa quête d’enchantement en invitant, en plus de ces artistes confirmés, sur le parvis, des talents prometteurs, virtuoses de leur instrument, lors de rencontres musicales au musée Jean Cocteau collection Séverin Wunderman.

 

 

Nous avons découvert le programme du 69e Festival de Musique, qui s’annonce une fois de plus exceptionnel, au cours d’une conférence de presse qui a eu lieu en présence de M. Jean-Claude Guibal, Maire de Menton, Président de la CARF, de M. Paul-Emmanuel Thomas, Directeur artistique du Festival, M. Pierre-Paul Léonelli, Conseiller général Paca et Adjoint au Maire de Nice, Mme Colette Giudicelli, Sénateur des A.M. et Conseiller départemental des A.M., M. Alain Frère, Maire de Tourrettes-Levens, V.P. du Conseil Général. Le détail de ce programme peut être consulté sur le site du Festival.

https://www.festival-musique-menton.fr/

Photos © Pascale Digeaux

 

Partager cet article

Repost0
28 avril 2018 6 28 /04 /avril /2018 22:33
MONTE-CARLO FASHION WEEK  RITORNA DAL 16 AL 20 MAGGIO 2018

MONTE-CARLO FASHION WEEK

RITORNA DAL 16 AL 20 MAGGIO 2018

 

Emergenti, Talentuosi, Internazionali, Ecosostenibili, Innovativi, Glamour.

Queste parole descrivono perfettamente il profilo dei designers e dei brand partecipanti alla prossima edizione della Monte-Carlo Fashion Week (MCFW©) 16-20 maggio, 2018.

 

La sesta edizione della MCFW© sarà inaugurata mercoledi 16 maggio con la cerimonia dei MCFW© Fashion Awards Ceremony & Gala Dinner che avrà luogo presso il prestigioso Yacht Club di Monaco in presenza di giornalisti, buyer internazionali, VIP, celebrità e autorità monegasche. Sin dalla sua nascita, il prestigioso MCFW©  Fashion Award, ideato dalla Chambre Monegasque de la Mode e realizzato dall’artista Brasiliano residente nel principato Monegasco, Marcos Marin, sarà conferito a diversi personaggi che si sono distinti nell'universo della moda.

Federica Nardoni Spinetta, Presidente e Fondatrice della Chambre Monegasque de la Mode ha dichiarato: "Sono onorata di annunciare la straordinaria presenza di Kean Etro che riceverà l'International Fashion Award come riconoscimento per l'impegno e il contributo della Maison Etro presente da 50 anni nel mondo della moda come uno dei marchi più brillanti e creativi dell'eccellenza italiana".

Da Sinistra a Destra Kean Etro, Jacopo Etro, Veronica Etro e Ippolito Etro

Durante la Fashion Awards Ceremony, la Chambre Monégasque de la Mode, onora :

  • Rahul Mishra per l’impegno e il contributo dedicato al mondo della moda grazie al suo marchio di moda etica e sostenibile.
  • Flavio Briatore, uno dei più brillanti uomini d'affari italiani. Riceve l’Award grazie al suo contributo come fondatore del marchio di abbigliamento maschile di lusso Billionaire Couture.
  • Istituto Marangoni rappresenta una delle principali istituzioni educative. L’Award è un riconoscimento per l’impegno e il contributo dell’Istituto dedicato alla formazione costante di giovani talenti.
  • Constanza Cavalli Etro, fondatrice del Fashion Film Festival Milano. Riceve l’Award grazie al suo contributo culturale ultramoderno e all’avanguardia nel mondo della moda.
  • German Larkin uno dei talenti emergenti nella fotografia di moda. È un giornalista, fotografo e avido viaggiatore.
  • Banana Moon, uno dei marchi Monegaschi più brillanti. Riceve l’Award per l’impegno avvenuto nel Principato di Monaco per il "Made in Monaco".

La Monte-Carlo Fashion Week presenterà un'intera giornata di conferenze al Salon Bellevue del Café de Paris, nella piazza del casinò. Face-to-Face con Flavio Briatore, Olga Egorovs, Mario Boselli, Roberto Riccio, Rahul Mishra e Sara Cavazza Facchini. L'intera giornata sarà dedicata a presentazioni, dibattiti e dialoghi con specialisti del settore moda. Le conferenze della MCFW© mirano a riunire amministratori delegati, professionisti, accademici e buyers di tutto il mondo per discutere, con un’ottica internazionale, dell'evoluzione della moda, delle attuali opportunità e concorrenze che devono affrontare marchi e stilisti emergenti.

Flavio Briatore inaugurerà il dibattito Face-to-Face con la sua Lectio Magistralis su Billionaire Lifestyle: Luxury Services Strategies. Oggi, Flavio Briatore è un personaggio internazionale, influente, famoso grazie ai suoi successi nel mondo dello sport e dell’imprenditoria sotto l'egida di Billionaire Lifestyle. Seguirà un altro grande imprenditore, Mario Boselli, Presidente Onorario CNMI, Camera Nazionale Moda Italiana. Cav. Boselli inizierà con una breve presentazione della Camera Nazionale Moda Italiana illustrando e presentando il bello e ben fatto Made in Italy e concluderà il suo Face-to-Face con una presentazione che riguarda i nuovi sviluppi della moda in Cina.  I dibattiti, Face to Face continuano su piattaforma internazionale con Olga Egorovs che illustrerà il caso della Caspian Fashion Week, sottolineando le particolarità della moda nel mondo globalizzato mostrando come la relazione tra Oriente e Occidente congiunge ricchezza.

Il filo conduttore della Monte-Carlo Fashion Week "Giovani, talentuosi, internazionali, emergenti, sostenibili e innovativi" sarà sottolineato dall'Istituto Marangoni, dove la discussione sarà guidata dal Presidente Roberto Riccio e successivamente da Rahul Mishra, Ambasciatore del marchio dell'Istituto Marangoni Paris. Rahul Mishra illustrerà l’argomento che riguarda le sfide affrontate dal designer. Le discussioni Face-to-Face raggiungeranno l’apice del tema che riguarda la moda sostenibile con la partecipazione di Sara Cavazza Facchini, direttore creativo della casa di moda prêt-à-porter italiana Genny dal 2013. Sara Cavazza Facchini presenterà la moda sostenibile parlando del lusso responsabile, illustrerà come ha sapientemente miscelato il patrimonio della casa di moda Genny assieme all’eleganza senza tempo sommando il fattore di sostenibilità coscienziosa e abbracciando la responsabilità sociale.

 

Le sfilate della MCFW© al Fashion Village, Chapiteau de Fontvieille, includeranno un ricco calendario di presentazioni di capsule, resort e prêt-à-porter primavera / estate 2019, sotto la direzione artistica di Rosanna Trinchese. Il mix di stili, culture e visioni si traduce in una combinazione vincente di moda, arte e design, con le sfilate di  A'bbidikkia - Amal Azhari – Alicia Arts - Anita Pasztor - Anna Marchetti - Art Nobless – Atelier Bailiss - Banana Moon - Beach & Cashmere Monaco - Bruno Caruso - Carlo Ramello – Chapurin - Edda Berg - Ethnoglam – Fregoli – Genny - Istituto Marangoni - Karma of Charme - Kissa Beachwear - Leslie Monte-Carlo - Livia – Loona - Maisons de Mode - Mariandree Gaitan - Monica Berlanas – Morà Busoli Eyewear - Rahul Mishra -Stardust Monte-Carlo - Thelma Espina.

Credendo fermamente nella responsabilità sociale, la Monte-Carlo Fashion Week avrà il piacere di sostenere per il secondo anno consecutivo, la missione della Fondation Princesse Charlène de Monaco. Creata il 14 dicembre 2012, la Fondazione di S.A.S. la Principessa Charlène di Monaco si è prefissata l'obiettivo prioritario di salvare le vite umane combattendo contro gli annegamenti. Le sue missioni sono di sensibilizzare l'opinione pubblica sui pericoli dell'acqua, insegnare le misure di prevenzione e il nuoto ai bambini. Le azioni della Fondazione si basano anche sui valori dello sport come disciplina, il rispetto di sé e degli altri, il gusto dello sforzo e lo spirito di squadra. Il programma "Sport & Education", creato intorno ai valori dello sport utilizza le attività sportive come strumenti per contribuire al benessere e allo sviluppo dei bambini.

Partager cet article

Repost0
28 avril 2018 6 28 /04 /avril /2018 20:12
Nice Jazz:Concert à l’Espace MU LIVE du 26 mai 2018

Concert à l’Espace MU LIVE du 26 mai 2018

 

Giovanni Mirabassi & Sarah Lancman feat. Thomas Bramerie

 

 

Line up :

Giovanni Mirabassi, Piano

Sarah Lancman, Chant

Thomas Bramerie, Contrebasse

 

GIOVANNI MIRABASSI

Giovanni Mirabassi, prestigieux pianiste-compositeur aux 17 disques d'or, s’impose par un style très personnel où la richesse mélodique et rythmique se noue à l’inventivité de ses improvisations. Engagé en solo et de façon bouleversante sur les thèmes révolutionnaires d’Avanti ! Véritable virtuose, ce pianiste incarne une approche du jazz « à l’italienne » qui allie beauté, émotion et raffinement. Victoire du Jazz, Django d’or, prix de l’Académie du Jazz, Giovanni Mirabassi s’est imposé en quelques années parmi les grands du jazz.

 

SARAH LANCMAN

Auteur-compositrice de ses chansons, Sarah Lancman est considérée comme la nouvelle voix du Jazz français. Parrainée par Quincy Jones au festival de Montreux en 2012, adoubée par Charles Aznavour pour son précédent album « Inspiring Love », André Manoukian lui a consacré une chronique sur France Inter et parle du « velours de Sarah Lancman »

Son dernier album « À CONTRETEMPS » est paru le 19 Janvier 2018 sous le label Jazz Eleven créé par Giovanni Mirabassi.

 

 

THOMAS BRAMERIE

Thomas Bramerie est l’un des contrebassistes les plus demandés de la scène internationale du jazz.  Il a joué avec les plus grands : Peter King, Ted Nash, Bobby Porcelli, Chet Baker, Toots Thielemans, Johnny Griffin et Steve Grossman, Didier Lockwood, Michel Legrand, et bien d’autres.  Après 30 ans de carrière, Thomas Bramerie compose son premier album sous le label Jazz Eleven. Il le fait en musique... et avec des mots. Sortie le 25 mai 2018.  

NB : Le nombre de places ( billet à 15€ en ligne dans les tous prochains jours) sera limité à 80 et il faudra exceptionnellement imprimer son billet pour participer au concert .

Partager cet article

Repost0
27 avril 2018 5 27 /04 /avril /2018 14:38
TEATRO ARISTON: SANREMO DANCE FESTIVAL E TUTTI BALLANO SANREMO²

Domenica 29 aprile 2018 al Teatro Ariston di Sanremo
 50 scuole di danza e oltre 800 ballerini per la 10° edizione del

SANREMO DANCE FESTIVAL

Sabato 28 e Domenica 29 aprile 2018 nelle strade e nelle piazze della città
TUTTI BALLANO SANREMO

Flashmob, Stages, Sanremo Danza Giovani

Ritorna anche quest’anno, per la decima edizione, sul prestigioso palco del Teatro Ariston, una grande manifestazione rivolta al mondo della danza giovanile: il “Sanremo Dance Festival”, concorso nazionale di danza classica, modern, contemporanea e danza fantasia.

La kermesse, che è inserita nel calendario manifestazioni del Comune di Sanremo, durerà tutta la giornata del 29 aprile per il concorso vero e proprio, ma sono previsti molti altri eventi durante l’intero week end a partire dagli stages di classico, modern e contemporaneo, proposti da prestigiose star della danza che faranno anche parte della giuria della gara.

Viene anche confermato l'evento “Tutti ballano Sanremo” che - attraverso flashmob, stages e spettacoli di danza nelle piazze e nelle vie cittadine  - è la risposta degli organizzatori ad una richiesta dell’Amministrazione Comunale di aprire la manifestazione alla città. Punto centrale di questi eventi esterni sarà Piazza Borea D’Olmo in cui si alterneranno gruppi e musica di generi diversi; inoltre il centro città sarà animato da alcuni flashmob coordinati da Elisa Rosano e Maila Cordella.

Appuntamento per il primo flashmob sabato 28 alle ore 16.00 davanti al Teatro Ariston. A seguire, novità assoluta per Sanremo, una dimostrazione di parkour.

Il Sanremo Dance Festival ha ormai consolidato numeri di partecipazione assolutamente rilevanti tanto da richiedere nuovi spazi e nuove soluzioni risultando impossibile accogliere ulteriori richieste sempre in aumento. Considerevole il numero dei ballerini che supera le 800 unità e delle scuole, una sessantina, provenienti da quasi tutte le regioni italiane.

Il Sanremo Dance Festival – dice il presidente del comitato organizzatore Giuliano FERRARIè ormai diventato uno dei fiori all’occhiello del nostro territorio. Una simile manifestazione deve assumere sempre più un’importante rilevanza per la promozione turistica; siamo grati all’Amministrazione Comunale per aver compreso che anche la danza ha la capacità di muovere migliaia di persone e le città che hanno investito in questo segmento turistico, con eventi danza importanti, ne hanno tratto ottimi risultati. Non dimentichiamo che intorno a questo avvenimento, fra ballerini, coreografi e accompagnatori si muovono alcune migliaia di persone che nel caso specifico soggiornano a Sanremo o nell’estremo ponente nell’intero week end del 1 maggio.

Come da tradizione anche quest’anno verrà inserito nella kermesse, uno spazio per una vetrina coreografica dedicata ai giovani talenti fino ai 14 anni, non ancora pronti a gareggiare in concorso ma che potranno essere stimolati da questo spazio, mettendosi in gioco e confrontandosi, arricchendo se stessi ed anche il pubblico di gioia e voglia di ballare con il cuore.

Ancora una grande impresa per le due direttrici artistiche Simona TOVOLI e Chiara NAPOLI, che dovranno sincronizzare questo mix di eventi che per la sola parte interna all’Ariston prevede oltre 180 coreografie e più di 12 ore di spettacolo. Dobbiamo sottolineare – dicono le due coordinatrici – che il Sanremo Dance Festival non è un’iniziativa fine a se stessa, ma fa parte di un progetto educativo in cui il movimento è essenziale nella formazione dell’individuo: s’impara a conoscere il mondo attraverso il proprio corpo. Portare giovani artisti sul palco più famoso del mondo dello spettacolo intende offrire un ulteriore stimolo alla capacità di comunicare attraverso il movimento inteso come linguaggio espressivo globale.

Grandi conferme all'interno della giuria che seguirà l'andamento del Concorso: Lara TERZUOLO, Luca TOZZI, Teresita DEL VECCHIO, Giacomo MILLI.

Novità di quest'anno la presenza di Alessia GATTA e Patrizia CAMPASSI.

Infine, ad impreziosire questa rosa di grandi nomi del mondo della danza Anbeta TOROMANI, la ballerina entrata nel cuore del  grande pubblico per la sua partecipazione alla prima edizione di Amici, divenuta successivamente assistente della trasmissione e poi étoile internazionale.

Maggiori dettagli sul sito ufficiale: www.sanremodancefestival.it

Partager cet article

Repost0
25 avril 2018 3 25 /04 /avril /2018 13:23
 Soirée : "Les Orchidées d'Or". L'événement aura lieu à Cannes le 15 et 15  mai

Soirée : "Les Orchidées d'Or". L'événement aura lieu à Cannes le 15 mai prochain, durant la période du Festival. Une réception aura lieu dans une Villa entre 17h et 19h et sur un yacht le "Queen South" (32 m de long) de 19h30 à 23h.

Lors de cette soirée, des prix seront remis à des professionnels du Cinéma chinois en présence de producteurs, d'acteurs, de réalisateurs reconnus.

En plus d’être une cérémonie, elle se veut un moment d'échanges entre des professionnels du milieu du Cinéma chinois et ceux d'Europe , dans le but de favoriser la création de futurs projets européens et chinois.

Egalement, une soirée avec des projection aura lieu le 12 Mai, il y aura un show du sosie chinois officiel de Michael Jackson (très connu, d'ailleurs, il a déjà été reçu à la Maison Blanche).

Parmi les personnalité présentes :
Carina Lau Kar-ling, récompensée à de multiples reprises : Bends, Young Detective Dee Rise of the Sea Dragon, ...
Eric Tsang, producteur, réalisateur, acteur dans "Infernal affairs"(chef d'oeuvre du film policier dont Martin Scorsese a fait un remake), au casting de "The bombing" (prochainement en salles) avec Bruce Willis.
Alan Tam Wing-Lun, acteur et chanteur très connu
Des personnalités du milieu du cinéma européen seront aussi présentes, des réponses sont en attente.
Tony Leung Chiu Wai (récompensé pour "In the mood for love" considéré comme un des plus grands acteur chinois) sera probablement présent.


 

Partager cet article

Repost0
21 avril 2018 6 21 /04 /avril /2018 18:07
ARISTON SANREMO: SERATA “SMILE” TUTTA DA RIDERE ALL’ARISTON CON PAOLO RUFFINI E DIANA DEL BUFALO

MARTEDÌ 24 APRILE UNA SERATA “SMILE” TUTTA DA RIDERE ALL’ARISTON CON PAOLO RUFFINI E DIANA DEL BUFALO NEL “PAOLO RUFFINI SHOW”. Sul palco anche Marco e Fabiano e Veronica Maria Genovese, vincitori di Ariston Comic Selfie 2017

 

Un grande One Man Show scandito dal carisma, dall’autenticità e dalla comicità irriverente di Paolo Ruffini, padrone di casa d’eccezione in grado di creare un mix perfetto tra suggestivi monologhi e partecipazione del pubblico

 

Un grande show, ma anche uno spettacolo che non può restare fedele alle righe di un copione perché l’improvvisazione prende il sopravvento. Un happening comico coinvolgente e tutto da vivere per percepire l’atmosfera gioiosa e leggera di partecipazione. Infatti si parte dal pubblico, dall’umore che c’è in sala, e si sviluppa un varietà dalla comicità esilarante, che lascia però spazio anche a momenti di riflessione. Sono questi alcuni degli ingredienti del “Paolo Ruffini Show”, in programma al Teatro Ariston di Sanremo martedì 24 aprile alle 21:15.

 

Lo showman livornese dimostra uno straordinario talento nel cogliere frammenti di umanità e a filtrarli attraverso ironia acuta e battute irriverenti. Un’occasione di incontro, di divertimento come in una serata tra amici, perché il teatro vuole essere un luogo in cui ci si possa riconoscere, con cui avere “confidenza” e sentirsi a casa. Si parlerà di cinema, con un sorprendente monologo da costruire all’impronta con i suggerimenti della platea, per arrivare alle relazioni, ripercorrendo le dinamiche delle generazioni anni ‘90, quelle che non avevano gli smartphone ma usavano le cabine telefoniche a gettoni, quando non si era ancora “social”, ma forse si era molto più “sociali”. Non mancheranno delle sorprese con frammenti di doppiaggi in vernacolo e gag che nasceranno estemporaneamente giocando con la platea. Il tutto è accompagnato da intermezzi musicali del maestro Claudia Campolongo al pianoforte.


Sul palco insieme al mattatore livornese ci sarà, con la sua simpatia travolgente e contagiosa, anche l’attrice e conduttrice Tv Diana Del Bufalo, reduce dagli straordinari successi delle fiction Rai “C’era una volta StudioUno” e “Che Dio ci aiuti”, bissati dalla recentissima conduzione al fianco di Giorgio Panariello nel programma “Panariello sotto l’albero”. Proprio Diana Del Bufalo, durante la serata, riceverà il Premio “Dal Web al Teatro”, conferitole nell’ambito dell’Ariston Comic Selfie 2017, il talent di casa Ariston dedicato alle webstar che mette in contatto il palco virtuale online con quello reale. Da premiata della scorsa edizione, Diana Del Bufalo sarà inoltre la conduttrice delle finali di Ariston Comic Selfie 2018, in programma al Teatro Ariston mercoledì 30 e giovedì 31 maggio.

 

Durante il “Paolo Ruffini Show”, inoltre, sono previste anche le esibizioni di altri protagonisti dell’universo Ariston Comic Selfie. Si tratta di Marco e Fabiano, autori di viralissime parodie sul web, vincitori della sezione Parody 2017 e oggi creativi per l’agenzia Armando Testa, uno dei più grandi gruppi italiani di comunicazione nel mondo, con il progetto CAT (Crew Armando Testa). Con loro anche l’attrice comica romana Veronica Maria Genovese, autrice di monologhi divertenti e vincitrice del premio della giuria di qualità di Ariston Comic Selfie 2017.

 

Prezzi di ingresso

Platea: €30+3 prev. - € 25+3 prev - € 20+3 prev

Galleria: € 20+2 prev. - € 18+2 prev. - € 15+2 prev.

 

Video messaggio di Paolo Ruffini e Diana Del Bufalo:

https://youtu.be/K55b5sjx6Vs

Partager cet article

Repost0

Présentation

  • : ROYAL MONACO RIVIERA ISSN 2057-5076
  •  ROYAL MONACO RIVIERA      ISSN 2057-5076
  • : Royal Monaco Riviera web magazine fondé par Luigi MATTERA est le PREMIER site online de Monaco en presse écrite . Royal Monaco Riviera, il primo sito online del Principato divenuto cartaceo.ARTE, CULTURA, SOCIETA' della Riviera Ligure e Costa Azzurra!
  • Contact

Recherche